giovedì 9 luglio 2009

AZRA JAFARI, PRIMO E UNICO SINDACO DONNA AFGHANO: "DOBBIAMO LOTTARE PER I NOSTRI DIRITTI, PERCHE NESSUNO LO FARA' PER NOI"


Roma. Indossa il chador con mitezza Azra Jafari. E’ la prima e unica donna sindaco dell’Afghanistan, amministra la cittadina di Nili, nella provincia del Dai Kundi, una regione nella quale sono molto frequenti i rapimenti di operatori stranieri e dove l’esercito di Kabul deve far fronte alla guerriglia islamica. Un termitaio di tagliagole, separatisti sciiti e squadroni della guerra. Azra Jafari, esule in Iran tornata al seguito dell’invasione angloamericana del paese nel 2002, è uno dei simboli più belli dell’Afghanistan post talebano, ma anche uno dei pegni più fragili della sua sopravvivenza. Dietro Azra c’è una scia impressionante di insegnanti, attiviste dei diritti umani e poliziotte assassinate dall’insorgenza fondamentalista. L’ultima, Sitara Achkza, consigliera provinciale di Kandahar, era nota per l’attività in favore dei diritti femminili. Aveva trascorso in Germania gli anni del potere talebano a Kabul, dove era tornata con la caduta del regime shariaco, proprio come Azra. Le donne che lavorano fuori di casa, specialmente nel sociale, sono etichettate dai militanti islamici come “immorali” e quindi punite con la morte. Come Bakht Zeba, un’amministratrice locale appena assassinata nella sua abitazione. Prima di diventare sindaco, Azra era un’insegnante perseguitata dai fondamentalisti islamici perché proviene dalla minoranza sciita hazara, bollata come “eretica” dai mullah sunniti. Azra, come gli altri sciiti afghani, durante il regime talebano aveva tre possibilità di scelta: convertirsi al culto sunnita, emigrare nel vicino Iran o morire. In quegli anni furono tantissimi gli eccidi di sciiti. Dopo il rientro in Afghanistan nel 2001, Azra ha accettato un lavoro come insegnante, nonostante una fatwa del mullah Omar avesse ordinato l’uccisione delle insegnanti donne. Come Safia Amajan, che sotto il regno di morte e distruzione dei guerriglieri islamici aveva gestito una scuola segreta per ragazze che osavano sfidare il potere distruttivo dei talebani. E’ stata uccisa sulla porta di casa. Azra è una di quelle donne che non si sono arrese all’oscurantismo di chi vorrebbe tornare a riempire gli stati di adultere da lapidare. Jafari è diventata sindaco vincendo la competizione di altri quattro candidati. Tutti uomini. “Oggi gli uomini mi obbediscono, all’inizio mi ignoravano”, dice Jafari al Foglio. “Dalla caduta dei talebani la mentalità delle donne è cambiata e si sentono parte della comunità internazionale. Però se subito dopo la cacciata dei talebani nel governo provvisorio c’erano tre o quattro ministri donna, oggi ce n’è una sola. Il presidente Karzai vorrebbe ottenere di più per la parità fra uomo e donna, rafforzando la cultura femminile come parte integrante della democrazia. Il nuovo governo ha cercato di coinvolgere le donne in campo politico, sociale, economico e culturale. Ma nelle regioni in cui i talebani sono più forti, le donne non hanno diritto al lavoro, alla scuola, all’università, a uscire di casa senza un uomo. Dove i talebani sono più deboli ci sono attentati suicidi, terrorismo contro le donne, roghi di scuole, ragazze date in matrimonio a una tribù per pacificare le comunità in lotta e così via. L’Afghanistan è un paese musulmano, ma l’islam dei talebani non è il vero islam, che invece incoraggia le donne all’istruzione anziché fucilare le insegnanti e le studentesse. I talebani usano i bambini come bombe umane e non se ne vergognano”. Azra è stata minacciata più volte dagli estremisti islamici da quando è diventata sindaco. “Soprattutto ho ricevuto minacce di morte per telefono, un membro del Parlamento mi ha detto di fare attenzione a quello che dico durante interviste come questa o me ne pentirò. Come donna e funzionaria del governo non posso attraversare un’area dove ci sono i talebani, non posso partecipare a seminari pubblici, mi ci vogliono trentasei ore per andare a Kabul passando per le province di Bambina e Vardar, devo cambiare automobile più volte per motivi di sicurezza. Vorrei che la comunità internazionale sostenesse quelle poche donne coraggiose che cercano di instillare l’orgoglio in milioni di loro simili. Oggi è ancora un crimine essere donna, ma sono ottimista per il mio paese. Dobbiamo lottare per i nostri diritti, perché nessuno lo farà per noi”.

- E una curiosità dal Marocco: L'allontanamento di Bn'bd allah dall'ambasciata del Marocco a Roma a causa di una donna. Leggi tutto... .

- Intanto ad Anversa donne musulmane manifestano per la " libertà " di portare il velo, dopo che è stato vietato in una scuola (qui ) : link .

6 commenti:

esperimento ha detto...

Con tutti i difetti che possono esserci ora, sotto i talebani una cosa simile non sarebbe stata possibile.
Questa Signora (la maiuscola non è un caso) deve avere tutta la nostra ammirazione e la nostra solidarietà

fdfdrfr ha detto...

Salve, scusa se commento qui ma non ho trovato alternative per contattarti. Vorrei invitarti a far parte del nuovo social network per blogger: http://profiloblogger.com

Accetti l'invito?

Alessandra ha detto...

Strano, credevo di aver reso visibile il mio indirizzo. Ok, grazie: accetto l'invito.

Vituccio ha detto...

Guarda cosa srive un tuo ex "amico":

http://blog.libero.it/islamriformista/view.php?reset=1&id=islamriformista

Certo che per essere un islamico liberale lo é per davvero,liberale e falsificatore fai-da-te.Forse pensa di avere più credibilità (liberale) affermando che Aicha aveva 19 anni,o forse ne sà più di tanti altri.

Alessandra ha detto...

Sì, Vituccio, ho visto tempo fa quel post di Deniz... .

Annamaria ha detto...

Ammirevole. Chapeau, davvero.
Ma qui si tratta di casi davvero ISOLATI.
L'Afghanistan è un Paese difficile e complesso.
Quante donne sarebbero disposte a seguirla? Anche donne di un certo livello sociale e culturale, intendo.
Credo poche. Ma una donna come questa ci fa capire che le cose si muovono davvero. Che c'è, esiste una presa di coscienza generale, lenta, ma progressiva.
E va bene così. A me sta bene. Mi rincuora.
Il fatto stesso che alcune dichiarazioni facciano anche solo riflettere altre donne, che insinuino il dubbio è un passo avanti.
E' quella che i musulmani chiamano fitna, più riprovevole dell'omicidio.
A me piace chiamarla "crescita".