sabato 27 giugno 2009

LA FIRST LADY INDONESIANA ROMPE IL "VELO DELL'IPOCRISIA"


In Indonesia "scoppia" il caso del velo. La first lady sfida la pressione della società musulmana che, di fatto, impone l' hijab.

La decisione della sposa del presidente uscente Susilo Bambang Yudhoyono, di non portare più il velo potrebbe compromettere l'impegno politico del marito, in occasione delle elezioni presidenziali indonesiane del prossimo 8 luglio 2009. Paese musulmano più popolato del pianeta, l'Indonesia vanta una lunga tradizione di tolleranza religiosa. L'uso del jilbab, il velo islamico, è così in grandissima parte lasciato alla discrezione di ogni donna e delle sue convinzioni. Tuttavia, all'approccio dell'elezione presidenziale dell'8 luglio 2009, la questione è emersa nella campagna. Il capo della principale formazione islamica, il partito della giustizia e della prosperità (PKS), accreditato dall' 8% dei suffragi alle elezioni legislative d'aprile e membro della coalizione condotta dall'attuale presidente Susilo Bambang Yudhoyono, si è pubblicamente interrogato sul rinnovo del suo sostegno al presidente uscente. Sotto accusa l'abitudine presa dalla first lady, Ani Yudhoyono, di apparire in pubblico senza l'hijab. Una scelta che appare ancora più stridente per il fatto che la moglie di Jusuf Kalla, vicepresidente uscente ed altro candidato alla presidenza scelga, invece, di apparire in pubblico sempre coperta dal velo. Anche se il PKS è abituato alle polemiche religiose, non ci é voluto molto per rilanciare il dibattito. I partiti laici e nazionalistici, che rappresentano il 70% dell'elettorato, hanno vivamente chiamato a conservare la questione religiosa nella sfera privata ed a non utilizzare l'islam a fini politici. Molte musulmane eminenti hanno anche ricordato che il jilbab "copriva la loro testa, non il loro cervello". (Fonte: Kritikon , da Scettico )

15 commenti:

Dolomitengeist ha detto...

Grazie al Admin del quello Blog molto importante, noi prendiamo al mes sempre due -Tre Artikoli del Blog cui.
http://dolomitengeisteu-dolomitengeist.blogspot.com/2009/06/die-islamische-heuchlerei-der-first.html

Poerio ha detto...

L'articolo è sbagliato: la moglie del presidente indonesiano non ha mai indossato il velo in pubblico, ha ricevuto pressioni per indossarlo. Le due immagini rappresentano due donne diverse: la donna col velo è la moglie del vicepresidente Yusuf Kalla che si presenterà a sua volta come candidato alle presidenziali che si svolgeranno tra breve. Poi qui si parla di jilbab, che è un mantellone intero che copre tutto tranne mani e faccia, molto in voga tra gli islamisti. In realtà il termine corretto è hijab, fermo restando che nella tradizione indonesiana le donne o non indossano veli o veli molto leggeri appoggiati sui capelli simili. Simile al dupatta indo-pakistano. L'hijab è un fenomeno d'importazione affermatosi con la globalizzazione e introdotto dai sauditi e dai fratelli musulmani. Purtroppo.Va poi chiarito che nelle recenti elezioni legislative i partiti islamisti hanno ottenuto meno del 15 per cento dei voti. Ci sono altri partiti che si definiscono islamici, ma non sono islamisti e non dicutono la laicità dello stato. Sno anche loro sul 15 per cento. Vedi Abdurrahman Wahid e sua figlia Yenny Wahid, che indossa un velo bellissimo che non è l'hijab globalizzato. Un velo che non mi preoccupa.

Alessandra ha detto...

Poerio. Infatti, sinceramente, la confusione tra jilbab e hijab mi ha lasciata un po' così.
Per il resto controllo, ma mi sa che metterò il TUO COMMENTO COME POST DI RETTIFICA

Poerio ha detto...

Il presidente uscente è Susilo Bambang Yudhoyono e sarà quasi sicuramente riconfermato nelle prossime elezioni. Questi due links chiariscono i termini del problema:
http://www.thejakartapost.com/news/2009/05/26/headscarves-help-kalla-electability.html
interessante questo commento:
http://www.thejakartapost.com/news/2009/05/29/to-veil-or-not-veil-and-political-clothes-hanger.html

Alessandra ha detto...

Ok, grazie... .

Kritikon ha detto...

Si, Alessandra. Per me è la stessa donna. La fonte originale dell'articolo è http://www.la-croix.com/article/index.jsp?docId=2379163&rubId=4077
Mentre la fonte (autorevole) per le foto è http://www.bivouac-id.com/2009/06/26/la-premiere-dame-dindonesie-en-cause-dans-une-histoire-de-voile/
Ciao

Alessandra ha detto...

Beh, comunque, è emerso un altro caso davvero lampante di uso politico del velo.

Vituccio ha detto...

Aspetta n'attimo che qui c'é un pó di confusione:

Una mezza risposta l'ho data da Kriticon.

Qui puoi trovare l'articolo in inglese dove si parla di jilbab,con foto aggiunta di Ani Yudhoyono velata,che sarebbe la moglie di Susilo Bambang Yudhoyono e non di Yusuf Kalla come ci nota Poerio.

La moglie di Yusuf Kalla si chiama Ibu Wakil e puoi vederla nei seguenti link:

http://images.google.fr/imgres?imgurl=http://padang-today.com/foto/berita/Mufidah%2520Jusuf%2520Kalla%2520copy.jpg&imgrefurl=http://padang-today.com/%3Ftoday%3Dnews%26id%3D2116&usg=__hTjJy-laAN9cf77RERqV8ovbRXY=&h=260&w=302&sz=65&hl=fr&start=87&um=1&tbnid=F-nxii_FzyQHgM:&tbnh=100&tbnw=116&prev=/images%3Fq%3DIbu%2BWakil%26ndsp%3D20%26hl%3Dfr%26sa%3DN%26start%3D80%26um%3D1

http://images.google.fr/images?hl=fr&um=1&q=Ibu+Wakil&sa=N&start=0&ndsp=20

Qui sotto due link al fianco del marito Yusuf kalla.

http://www.detikinet.com/images/content/2008/01/30/455/jk(setwapres)250.jpg

http://lh3.ggpht.com/_pFvvebM7MJA/SY0t-EztVNI/AAAAAAAAAQ0/NR1z_3MrKo4/IMG_3434.JPG

L'amico Poerio ci dice chi é la donna velata ma non quella senza velo.Poi se si guardano bene due foto dell'articolo non é difficile notare sembianze tra le due foto,mentre la moglie di Yusuf é nettamente diversa.Quindi per me si tratta bene della stessa donna.

Ecco la pagina per togliere ulteriori dubbi:

http://images.google.fr/images?hl=fr&lr=lang_fr&um=1&q=Ani+Yudhoyono,&sa=N&start=60&ndsp=20

Spero che tu sia soddisfatta Ale. (;-))

Poerio ha detto...

Scusate: 1) i termini hijab o jilbab sono termini tradizionalmente non utilizzati in Indonesia, anche perchè tradizionalmente in Indonesia si usano veli o copricapi diversi dall'hijab globalizzato e dal jilbab. Negli articoli in inglese dei siti dei giornali indonesiani (in Indonesia la lingua ufficiale non è l'inglese, ovviamente) si usa il termine jilbab come sinonimo di foulard. In molti articoli si dice esplicitamente jilbab or foulard. Non so perchè, ma loro usano il termine jilbab per identificare il velo che copre il capo, quando correntemente anche in Europa per jilbab si intende qualcos'altro di più complesso , avvolgente e lungo che va fino ai piedi. Faccio notare che qua in Italia si tende a definire impropriamente chador quello che è hijab, foulard , velo o addirittura si usa il termine chador anche quando c'è di mezzo il niqab. Vedo nei siti indonesiani che definiscono ragazza con l'jilbab la ragazza col foulard che sotto ha solo una maglietta e un paio di jeans aderenti ben visibili.... Io ho fatto una ricerca semplice con google digitando Susilo Bambang Yudhoyono wife . Appaiono tante foto recenti e di qualche anno fa, e si vede una sola volta che la signora indossa un copricapo; anche mia madre si copre i capelli con un foulard o con un copricapo a volte (per non parlare ovviamente di chi va in moschea). Se aprite questo link datato 28 maggio 2009 vedrete i principali candidati alla presidenza e alla vicepresidenza con le rispettive mogli (in effetti la moglie di Yusuf Kalla porta abitualmente gli occhiali...http://www.indonesiamatters.com/5557/mufidah-kalla-uga-wiranto-ani-yudhoyono/
A parte l'altra donna, non è vero che Ani Yudhoyono si sia tolta il velo per il semplice motivo che normalmente è stata negli anni sempre o quasi coi capelli totalmente visibili. Qui la vediamo con Laura Bush nel 2006:
http://www.daylife.com/photo/0c5VbrIaZb4Rb
Le elezioni presidenziali in Indonesia ci saranno l' 8 luglio. L'Indonesia è il paese con più musulmani al mondo. Lo sarà per poco perchè in Indonesia il tasso di natalità è relativamente basso. Per dei bellissimi jilbab:
http://www.fashion-hijab.com/jilbab.html

Alessandra ha detto...

Poerio, anch'io ho cercato su Google e se non ricordo male ho visto anch'io Ani solo una volta con il velo... . Comunque, come vedi, ho tolto il post di rettifica: tanto ne possiamo discutere qua. Guardo i siti che hai segnalato.
Come mai hai fatto l'esempio di tua madre che si copre il capo?
A livello di stile, una può "stare bene" anche con l'hijab o con qualsiasi tipo di velo o "mantello": molte lo portano abbinato con il colore del vestito... . Giusta la tua precisazione sul termine chador usato impropriamente !!!

Poerio ha detto...

Volevo sottolineare che ci si può coprire la testa in tanti modi diversi e con tante motivazioni diverse. Mia madre è ben lontana da chi ritiene che più ci si copre più si è vicini a Dio. Penso che questo valesse anche per le nostre antenate che si coprivano magari un po' di più. Mi fa rabbia quando sento certi pseudointellettuali accostare l'hijab uniforme islamista attuale prescrizione divina all'abbigliamento ed ai fazzoletti sulla testa che erano molto diffusi tra le nostre antenate. Era un'altra cosa sia per il tipo di abbigliamento che per le motivazioni che lo determinavano.

Alessandra ha detto...

Ho capito. Te l'ho chiesto perchè mi sembrava che fossi tu ad accostare i copricapi di tua madre all'hijab ecc. ... . :-)

Anonimo ha detto...

Hello it's me, I am also visiting this web site daily, this web site is genuinely pleasant and the users are in fact sharing fastidious thoughts.

my weblog e-cigaretter

Anonimo ha detto...

Hi to every single one, it's truly a pleasant for me to pay a visit this site, it contains precious Information.

My weblog; elektronisk cigaret

Anonimo ha detto...

Wow, superb blog layout! How long have you been blogging for?
you make blogging look easy. The overall look of your web site is magnificent,
as well as the content!

Feel free to surf to my site: smoke stop