martedì 23 giugno 2009

"L' ISLAM INTEGRALISTA CI E' ENTRATO IN CASA. LE DONNE LO SANNO" di Magdi Cristiano Allam

Violenze a Milano, francesi anti burqa: l'islamizzazione silenziosa tra le mura domestiche fa più male degli attentati .

In Europa è in atto una islamizzazione strisciante e inarrestabile del nostro territorio e delle nostre menti che si realizza principalmente tramite la sottomissione delle donne musulmane al potere di gruppi estremisti che, da un lato, dissimulano spregiudicatamente la loro ideologia di conquista e radicamento, dall’altro, strumentalizzano cinicamente le nostre leggi e le nostre consuetudini. E noi, inconsciamente e irresponsabilmente, li lasciamo perlopiù fare, come se fintantoché il loro comportamento non crea problemi alle “nostre” donne possiamo tranquillamente far finta di niente. Non ci rendiamo conto che tutto ciò che accade dentro casa nostra in termini di violazione della dignità e della libertà della persona, prima o dopo finirà per incidere nella nostra carne e per corrompere la nostra anima. Che desolazione lo spettacolo di quest’Europa materialista e senz’anima che non è più padrona in casa propria, che si sottomette all’arbitrio degli estremisti islamici come se si trattasse di una fatalità inoppugnabile e che pertanto finisce per esultare, considerandola alla stregua di una vittoria, quando riesce ad affermare il primato della legge, delle regole e dei valori non negoziabili che dovrebbero valere per tutti, ma che noi stessi consentiamo loro di disattendere nel nome del rispetto di una presunta specificità religiosa o culturale. E’ sufficiente seguire le cronache di un giorno qualsiasi per cogliere il riproporsi di fatti in cui, all’interno delle nostre città, le donne musulmane vengono picchiate a sangue dai loro stessi genitori e familiari, al punto da essere costrette a ricorrere al pronto soccorso dell’ospedale, semplicemente perché vestono come le loro coetanee europee, rincasano tardi dopo aver consumato una pizza con gli amici o si sono spinte fino al limite dell’infedeltà islamica fidanzandosi con un cristiano. E’ quanto ad esempio è successo giovedì scorso a Samira, una marocchina di 17 anni, portata all’ospedale San Carlo di Milano dai genitori-aguzzini con ferite sul viso e alle gambe. Nello stesso giorno in Francia il governo ha reso noto l’intenzione di mettere al bando il burqa o il niqab, il velo integrale islamico che avvolge interamente il corpo della donna con un’unica fessura all’altezza degli occhi, sostenendo a viva voce - come se si trattasse di una verità da spiegare e giustificare - che è una palese lesione della dignità e della libertà della persona, aggiungendo, come un surplus di motivazione che dovrebbe far pendere il piatto della bilancia a suo favore, che il burqa non sarebbe contemplato dal Corano e che è invece lo strumento principe degli estremisti islamici per sottomettere al loro potere le donne. Tornando a casa nostra abbiamo accolto con immensa gioia la sentenza di un tribunale di Bologna in cui, per la prima volta nella storia italiana, un giudice ha riconosciuto la fatwa quale condotta penalmente rilevante, avallando l’istanza sostenuta dall’avvocato Loredana Gemelli che difendeva l’onorevole Souad Sbai, di fatto condannata a morte da un estremista islamico marocchino che l’aveva qualificata come una infedele. “Finora in Europa, in Paesi come Germania e Inghilterra, la magistratura ha sempre teso a comprendere i musulmani per le minacce lanciate o violenze inflitte, in nome di un multiculturalismo di stampo relativista, adducendo come motivazione la loro differente cultura”, spiega la Gemelli, “questa sentenza ha ribadito che le basi della convivenza civile, sociale ed economica in Italia sono stabilite dai principi della Costituzione repubblicana, impermeabile a indirizzi e precetti culturali e comportamentali estranei, di cui la fatwa è una espressione”. Chiunque di noi accettasse di accogliere a casa propria un ospite perché animato da un amore autentico per il prossimo, gli chiederebbe di rispettare le regole in cui noi stessi ci riconosciamo e che ci hanno consentito di essere a tal punto civili e con una disponibilità materiale da poterlo accogliere a braccia aperte. (Fonte: Libero, 21/6 )

E precisamente sul divieto del velo integrale, che si pensa di introdurre in Francia: Sarkozy, stop al burqa: «Segno di avvilimento» .

Invece in Belgio, prima deputata con il velo: http://www.libero-news.it/pills/view/14418 .

Poi, per chi sa l'inglese, un bell'articolo di Mona Eltahawy, giornalista egiziana che vive negli USA (ancora sul velo e il discorso di Obama al Cairo): Headscarves and Hymen .
Ebbene ciò non accade quando accogliamo degli ospiti nella “casa comune”, la nostra società territoriale di riferimento, la nostra Italia e la nostra Europa. In questo secondo caso ci comportiamo in modo sostanzialmente contrapposto da chi è animato dal bene comune, che è una categoria etica che si fonda sull’equilibrio e sulla sintesi di diritti e doveri che valgono per tutti senza alcuna eccezione, scadendo nel buonismo che è un ideologismo che immagina che il nostro rapporto con il prossimo debba limitarsi ed esaurirsi nel concedere ciò che l’altro esige. Il buonismo è la trasposizione sul piano delle relazioni personali del relativismo sul piano della concezione generale della vita, che considera tutte le religioni, le culture, i valori e le conoscenze pari a prescindere dai loro contenuti. L’approccio ideologico del relativismo è tangibile nella negazione dell’uso della ragione, affinché non si assumano delle valutazioni critiche dal momento che aprioristicamente si afferma che si deve attribuire pari valore e pari dignità a tutto e al contrario di tutto. Così come il relativismo, sul piano dell’amministrazione delle nostre società che sono indiscutibilmente multietniche, multiculturali e multiconfessionali in quanto constano di persone originarie di altri paesi e con culture e religione diverse, ha partorito il mostro ideologico del multiculturalismo che s’illude che il governo della diversità debba limitarsi a elargire a piene mani diritti e libertà a tutti senza un comune collante identitario e valoriale. In questo contesto assistiamo ad un’accentuazione del laicismo che è la degenerazione ideologica della laicità, dove la chiara separazione della sfera secolare da quella religiosa ben espressa nelle parole di Gesù “date a Cesare quel che è di Cesare e date a Dio quel che è di Dio”, è sprofondata nel pregiudizio se non nell’odio nei confronti del cristianesimo, della Chiesa e del Papa, fino a voler negare qualsiasi presenza della spiritualità e della fede dall’insieme dell’attività pubblica. Con il tragico risultato di aver trasformato la nostra Europa in una landa deserta, che nega e si vergogna della verità storica delle radici giudaico-cristiane della nostra civiltà, e che finisce per essere sempre più percepita come una terra di conquista. Ebbene il parametro inequivocabile di questa conquista in atto è proprio l’inarrestabile sottomissione delle donne musulmane che qui, nella patria dei diritti dell’uomo e nella culla della democrazia, vengono segregate , schiavizzate e imprigionate dentro le mura domestiche, picchiate nella loro fisicità, violentate nella loro dignità e private della loro libertà. Non mi stupisce affatto l’ipocrisia ideologica delle nostre femministe che si infervorano e riempiono le piazze soltanto quando devono scagliarsi contro i cristiani che difendono la sacralità della vita e del matrimonio, ma che sono del tutto latitanti con gli islamici che trattano la donna come un essere inferiore da sottomettere e sfruttare. Ma rivolgo un appello a tutte le persone di buona volontà: mobilitiamoci in fretta per emancipare le donne musulmane che qui in Europa vengono costrette a sottomettersi all’arbitrio degli estremisti islamici, se vogliamo salvare la nostra anima, preservare la nostra dignità e difendere la nostra libertà.

17 commenti:

Paolo Borrello ha detto...

Io continuo a ritenere che gli attentati sono peggio...
Ciao

Alessandra ha detto...

Ma con gli attentati rischi di chiamare in causa la "libera scelta" della persona. Invece l'islamizzazione attraverso il corpo delle donne è più subdola: peggio in questo senso. Perchè alcuni analisti considerano peggio la moglie di Mousavi, che quella di Ahmadinejad in Iran?

Anonimo ha detto...

Ale, questa notizia è perfetta per il tuo blog: http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=360732
stefania

Alessandra ha detto...

Direi proprio di sì, Stefania! Grazie! Adesso cosa farà quest'uomo? Darà fiori avvelenati alla moglie o le mette dentro qualche insetto velenoso?

esperimento ha detto...

Bisogna far entrare la democrazia e il rispetto dei diritti allora.
Il problema è che spesso le donne sono recluse in casa o addirittura analfabete. Come raggiungerle senza essere invadenti e senza che i loro uomini (padri, mariti, ecc.) se ne accorgano?

Alessandra ha detto...

Non so, potrebbero iniziare i vicini e soprattutto le vicine di casa (e successo che abbiano aiutato coinquiline maltrattate, denunciando il marito violento). Però spesso anche loro hanno difficoltà o addirittura pensano che non siano "affari loro".

Alessandra ha detto...

Comunque, recentemente è successo che un padre indiano abbia ammazzato il figlio perchè rincasava tardi la sera (si alzava tardi, mentre avrebbe dovuto aiutare in negozio), ma questi sono casi già meno frequenti o di cui si sente meno parlare.

Muamer ha detto...

Bravo Magdi.

prima ti sei arricchito vendendo il fumo e adesso dici che c'è solo islam "integralista" che si riffiuta a sottomettersi tuoi doppioni.

Muamer ha detto...

ALESSANDRA,

Prima che vado a fare la denuncia alla polizia postale ti invito a censurare le offese nei miei confronti. Caposkaw mi ha offeso e adesso vedi tu cosa fare.

N.B. E' vero, ho sbagliato scrivere , ma per un errore gramaticale non credo che un offesa possa essere accettata.

Alessandra ha detto...

Certo, Muamer, dì alla polizia postale che uno ti ha preso in giro perchè hai sbagliato a scrivere, così la polizia postale ti ride in faccia! Oppure ti sei offeso perchè ti ha chiamato "beduino" (e Capo sa che non mi piace vedere il nome di un popolo in senso dispregiativo sul mio blog !!!)?
Ci credo, che ti senta offeso, Muamer: sei talmente fiero di essere occidentale... ! :-)

Anonimo ha detto...

Cara Alessandra tu da padrona di casa del blgo dovresti moderare di più certi commenti perchè vedi le persone come quel capo o come si fa chiamare, danno solo l' ennesima conferma che voi di islam non ci capite proprio niente.
Essendo tu la creatrice del blog, vedo che educazione zero via zero.
Muamer lascia perdere perchè è ovvio che loro per esprimersi sull' islam devono offendere altrimenti non sanno cosa dire...
Ah proposito dire "beduino" a un musulmano non è offesa magari informatevi bene prima.



Maryam

Anonimo ha detto...

No, Paolo Borrello:
Un attentato fa più male a noi; Ma il veleno strisciante farà più male a migliaia di generazioni dei nostri figli.

Anonimo ha detto...

E' arrivato un taglialingua:
Credendo di intimorire, maumer usa la maledetta tattica dei piagnoni islamici di andare a piangere dalla polizia.
Non si potrebbe estromettere dal blog questo personaggio?!?

Alessandra ha detto...

Maryam, esiste una cosa che si chiama libertà d'espressione, che evidentemente vi sfugge... . Riguardo al "beduino" o altro, è Muamer che è venuto qua a FAR FINTA di piangere: se non è usato in modo offensivo, il termine beduino non è certo un'offesa.
Confido solo nel buonsenso di chi commenta a fare interventi civili, ma se non volete essere "insultati", nessuno vi costringe a leggermi. Anzi, se ve ne andate, stiamo tutti meglio!

Stefano ha detto...

Maumer: Hai una fantasia enorme: Potresti scrivere romanzi.
Con tutte le malefatte islamiche che denunciamo su questio blog, secondo te l'unica cosa che riusciamo a dire contro l'islam è far notare un tuo errore ortografico.
INCREDIBILE!
Stefano.

Hanifah ha detto...

Non tu preoccupare Stefano, i romanzi inshallah usciranno presto!!! Adesso vado a cercare l'integralista, forse si è nascosto sotto il tavolo, spero di non averlo perso...

Ps. Mi pare che il signora Allam pianga spesso quando vuole riprendere punti davanti agli altri!!! Me lo ricordo bene quando è stato qui un paio d'anni fa per presentare il suo libro...7 macchine di scorta, uno spreco di soldi constatando che ad ogni persona alla quale si chiedeva "conosce Magdi Allam?" veniva risposto "Magdi Chi?????"

Alessandra ha detto...

Ciccia, ma sei ancora qua a scassare?!