lunedì 15 giugno 2009

GLI ARABI SI' , CHE AMANO LE DONNE !


E le stimano. E le rispettano. E si fidano di loro. Totalmente. Ciecamente. Teneramente. Prendete Nezar Nawwaf al-Mansur al-Hindawi (nella foto con la ragazza, Anne Mary Murphy, ndr), per esempio. Lo sapete chi è? No? Lo immaginavo: è per questo che sono qui a parlarvi di lui. Dunque questo tizio parte facendo il giornalista, poi cambia idea e decide di andare a fare il terrorista che, diciamolo una buona volta, non solo è molto più gratificante, ma è anche socialmente utile, soprattutto se ci toglie dai piedi un po’ di perfidi giudei che, come giustamente ricordava il buon Herbert Pagani, come ti volti ce n’è uno e non finisce mai. E qual è la cosa migliore da fare per un terrorista? Far saltare un aereo della ElAl, ovviamente. Ecco, è qui che viene il punto. Un altro direbbe: è un compito delicato! È una cosa di responsabilità! Bisogna stare attenti e saperci fare! E mai mai mai si fiderebbe di affidare un simile compito a qualcun altro, mai! Ma il nostro Nezar no, lui non è mica come gli uomini occidentali, tanto liberali a parole ma poi, quando si arriva alla prova dei fatti, sempre pronti a trattarci da bimbette ritardate buone al massimo per la cucina e per il letto! Che cosa fa invece lui? Va a Londra, si mette con una brava ragazza irlandese, ci si fidanza, la mette incinta, e poi le infila nella valigia, insieme all’abito da sposa, una bella botta di esplosivo e la imbarca su un volo ElAl. Senza dirle niente, beninteso, non sia mai che si impressioni e la cosa faccia male al bambino. Si fida talmente tanto di lei che non sente neanche il bisogno di imbarcarsi con lei per controllarla da vicino: lui la seguirà qualche giorno dopo, con un altro volo. Peccato che ci si mettano di mezzo gli israeliani che non sono arabi, loro, no, anzi, sono addirittura ebrei, che di peggio davvero non si potrebbe immaginare. E loro, pensate un po’, di quella ragazza incinta non si fidano ciecamente come l’arabo, neanche per sogno: le perquisiscono il bagaglio e mandano a monte tutto, questi ebrei malfidenti. Tutto questo accadeva un po’ più di una ventina d’anni fa all’aeroporto di Heathrow. Qui trovate tutti i dettagli (e grazie al grande Toni che mi ha ricordato questa storia dimenticata). (Fonte: Il blog di Barbara )

5 commenti:

caposkaw ha detto...

che cattivone!
poi i cattivi (loro si) ebrei l'hanno ammazzato?
disgraziatamente se l'hanno fatto lo hanno fatto in un attimo...quello si meritava un 10 anni di torture...

Alessandra ha detto...

No, non l'hanno ucciso: l'hanno condannato a 45 anni di carcere, ma per maggiori ragguagli, clicca "qui", che rimanda alla biografia di questo soggetto su Wikipedia (in inglese). Qualcuno ha visto il film "Il mercante di pietre"? In qualche modo, me lo ricorda.

Stefano ha detto...

Che schifoso razzista, Neanche le bestie di satana fanno simili cose.

Alessandra ha detto...

E squallidamente misogino!

Stefano ha detto...

Misogino, comincia con emme come musulmano.