sabato 28 marzo 2009

MISS MAGHREB 2009


L' elezione ufficiale Miss Maghreb é indirizzata a qualsiasi giovane donna, di età tra i 18 ed i 25 anni, nubile, senza figli a carico, originaria del Maghreb, di nazionalità francese o che presenta una situazione regolare sul territorio nazionale.

Questo ha lo scopo di valorizzare il posto della donna maghrebina nella società francese, e permettere per essa, un approccio più realistico di questa Comunità, così importante in Francia. Detto ciò, il corso professionale delle candidate è un criterio determinante di selezione (oltre ai criteri fisici propri di qualsiasi elezione di miss) essendo l'obiettivo di valorizzare la sua condizione di " donna" , pur restando rappresentativo dei vari settori dove evolvono. In particolare al Maghreb dove la donna al giorno d'oggi si batte per il riconoscimento della sua identità, quest'elezione permette di affermare i valori che queste donne veicolano, il loro attaccamento alle loro tradizioni, origini e la loro riuscita personale nella società moderna. Con ciò, quest'elezione è un " ponte" tra le due rive, che rinviano in Francia, così come nel Magreb, l' immagine di una donna illuminata, moderna ed ambasciatrice di una doppia-cultura pienamente assunta.
Quest'evento è messo sotto il segno della festività, del fascino e della bellezza, in condizioni rispettose di una tradizione di " pudore" propria di queste culture. Infine, da tutti questi aspetti, quest'elezione vuole essere benefica agli sforzi di una politica di sostegno all' integrazione delle persone di origini straniere. Il nome miss Maghreb è un nome depositato presso l' INPI ed è stato deciso congiuntamente dal sig. Berlingen & Mir. (Fonte: vituccio72 )

E per tornare in terra afghana, guardate Intervista a Sayed Yaqub Ibrahimi, fratello del giornalista condannato in Afghanistan Parwiz Kambakhsh

e FIRMATE PER LUI: http://www.acmid-donna.it/acmid/index.php?option=com_content&view=article&id=186:gli-imam-in-italia-parlino-italiano&catid=2:stampa&Itemid=4 .

4 commenti:

CloseTheDoor ha detto...

A proposito di Maghreb e Francia:

http://fr.wikipedia.org/wiki/Gad_Elmaleh

http://www.graphicoss.com/Private/Gad/,

Alessandra ha detto...

Visto. :-)

Dolcelei ha detto...

Mi sembra una cosa carina se viene fatta con il rispetto dei costumi e delle donne del Maghreb.
Un caro saluto e un abbraccio ^_^

Alessandra ha detto...

Da notare che è la stessa Francia che ha preso la decisione di eliminare tutti i simboli religiosi dalle scuole pubbliche, includendoci il velo che non dovrebbe essere considerato tale.
Ricambio l'abbraccio. Ricordatevi di guardare sotto il post: l'appello di ACMID- DONNA per Parwiz Kambakhsh, giovane giornalista afghano condannato prima a morte per apostasia e poi a 20 anni per aver postato un articolo di un giornalista iraniano che denunciava la mancanza di libertà delle donne nel mondo islamico e diceva che se un uomo ha il diritto alla poligamia, deve averlo anche la donna (insomma, una cosa che dovrebbe essere normalissima!).