mercoledì 3 dicembre 2008

I CITTADINI DELLA REGIONE DEL MAGHREB SI INDIGNANO PER LA LAPIDAZIONE DELLA RAGAZZA SOMALA VIOLENTATA

La morte per lapidazione di una adolescente di 13 anni vittima di violenza in Somalia, ha suscitato reazioni immediate dei cittadini e dei leader religiosi provenienti da tutto il Maghreb. Molti cittadini del Maghreb, studiosi islamici e attivisti dei diritti dell'uomo hanno condannato con fermezza la morte per lapidazione di una ragazza vittima di stupro e giudicata colpevole di adulterio. Alcuni sono rimasti sorpresi soprattutto dal fatto che tali atti di barbarie siano stati commessi su una ragazza in nome della religione. La ragazza, Aisha Duhulow Ibrahim, è stata violentata da tre uomini mentre era in visita da sua nonna a Modagiscio.
Dopo essere ritornata a casa nel porto di Kismayu, nel sud del paese, apprende la notizia di questo attacco alla milizia Al-Shabab, che controlla la città. Invece di procedere alla cattura dei colpevoli, i pubblici ministeri hanno accusata di adulterio e l'Unione delle Corti islamiche l’ha condannata a morte. Martedì 27 ottobre Aisha è stato collocata in un buco, sepolta fino al collo e poi lapidata da 50 uomini in uno stadio di Kismayu. "Non uccidetemi, non uccidetemi", avrebbe chiesto l'adolescente. Più di 1000 spettatori hanno assistito alla sua morte. "Si tratta di un tragico e deplorevole incidente. La ragazza è stata una doppia vittima di quelli che l’hanno violentata e di coloro che amministrano la giustizia", ha detto il rappresentante dell'UNICEF in Somalia Christian Balslev-Olesen. Ha poi aggiunto: "Questo incidente è la dimostrazione di estrema fragilità della condizione delle donne e delle ragazze in Somalia". Secondo l'UNICEF, l’instabilità cronica del paese, dopo la guerra civile del 1991, ha esacerbato la violenza di genere sul suo territorio. che una donna violentata possa essere lapidata è inconcepibile per Bassima Hakkaoui membro parlamentare del partito marocchino per la giustizia e lo sviluppo. "In linea di principio, lo Stato ha leggi che specificano quale parte è in grado di emettere il giudizio, allo stesso tempo di decidere la natura del crimine. Esso sfida la logica di pronunciare una pena di morte nei confronti di una donna vittima di stupro", afferma.

"L'Islam non ha nulla a che fare con tali pratiche", dice a Magharebia.
Baalla Hamid, professore di educazione islamica, concorda, dicendo che l'Islam condanna lo stupro e quelli colpevoli di tale aggressione. La visione condivisa all'unanimità dagli ulema è che le vittime di stupro non dovrebbero essere considerate come aventi commesso un delitto sessuale. Lo stupratore, piuttosto che la vittima, deve essere punito."Non è possibile chiamare musulmani i colpevoli di tali atti. Queste persone sono i radicali e gli estremisti", ha aggiunto, sottolineando l'importante ruolo di teologi e religiosi nel settore della pubblica istruzione.
Amina Bouayache, Presidente dell’Organizzazione marocchina dei diritti umani, ha anche espresso la sua rabbia per questa atrocità. Ha dichiarato a Magharebia che è molto difficile trovare le parole per questi atti "disumani, barbari". "E 'un crimine contro l'umanità", afferma. "Al tempo del Profeta Maometto è stata vietata la pratica di seppellire le ragazze mentre erano in vita, come si faceva a quel tempo. Si tratta di un atto simbolico di umanità e di giustizia". Per Mbark Hind, attivista per i diritti delle donne, la lapidazione è "un atto di terrorismo commesso contro il popolo somalo, in particolare nei confronti delle donne".Afferma che le associazioni per i diritti dell'uomo hanno un ruolo da svolgere nella lotta contro l'estremismo e la tutela dei diritti delle donne, anche se sono contro le tradizioni. La stessa dichiara che, per esempio, la lotta contro la circoncisione femminile ha avuto risultati. Ha poi aggiunto che, attraverso gli sforzi delle ONG, "le donne sono state in grado di ottenere i loro diritti in un certo numero di paesi arabi e musulmani". Ciò che è accaduto alla giovane Aisha, tuttavia, non è un caso isolato.
"Questa non è la prima volta che assistiamo a tali pratiche irrazionali e radicali", spiega Mbark a Magharebia. Il pubblico marocchino è stato anche critico sulla lapidazione della ragazza somala. La professoressa Farida Maaroufi non è in grado di comprendere il pensiero degli aggressori. Lei ritiene che l'orribile lapidazione di una ragazza sia un atto disumano contrario agli insegnamenti dell'Islam. "La lapidazione prescritta nel caso di adulterio può essere considerata solo se quattro persone hanno assistito al crimine. È praticamente impossibile raggiungere questo obiettivo. E quel che è peggio, stiamo parlando di una bambina che è stata violentata. Solo i radicali potrebbero ricorrere a tali pratiche", afferma. Fatihi Mohamed, uno studente, ritiene che le autorità somale siano responsabili di ciò che è accaduto. "Questo è il sistema di giustizia che ha adottato la facciata della legge islamica per attuare ciò che è in realtà un tribale usanza di tempi antichi. Tutti, comprese le associazioni dei diritti umani e governi devono agire per porre fine a questa situazione ", egli dice a Magharebia. La società civile algerina all'unanimità anche condannato l'esecuzione di Aisha. Zakia Gawaou, Presidente dell’Associazione Mounia per la protezione delle donne sole, ha detto che la giovane Aicha è stata due volte vittima, prima quando è stata violentata, e poi quando il giudice l’ha condannata a morte e la condanna è stata eseguita. La Gawaou nota che un tribunale "legittimo" potrebbe fare giustizia per Aicha, e che invece di essere trattata come una vittima di stupro, è stata incolpata e ritenuta responsabile del crimine, cosa del tutto inaccettabile. Magharebia ha chiesto a Houssine Mohamed, uno studioso musulmano, l’interpretazione islamica dell'incidente. "L’adulterio, nel caso di Aicha, non è stato volontario. E 'stata vittima di uno stupro, come potrebbe essere il caso di molte ragazze e donne in Algeria, che sono violentate dagli estremisti. Pertanto, la condanna a morte non può essere associata in alcun modo all'Islam". Lo studioso cerca inoltre di capire come possa essere stata emessa una condanna nei confronti di bambine, mentre gli aggressori sono liberi e senza condanne. Questo incidente è stato uno shock per gli algerini, molti tra loro sostengono che tali azioni vergognose dovrebbero essere severamente denunciate - in Somalia, ma anche in tutti gli Stati del mondo islamico. Hassina, madre di una piccola ragazza, afferma di essersi sentita sconvolta nel leggere la notizia su Internet, che descriveva ciò che era accaduto come "oppressione" perpetrata nei confronti di un’adolescente in attesa che le autorità le rendano giustizia e le restituiscano la sua dignità. Secondo Hassina, la condanna non può essere associata all'Islam. Allo stesso modo, Samir B. ha dichiarato a Magharebia: "Queste pratiche fanno più male che bene all'Islam, e danno l'impressione che la nostra fede approvi l'estremismo e l'intolleranza, come mostrato dai gruppi estremisti che hanno fatto scorrere il sangue senza misericordia". "Ciò che è successo in Somalia, è davvero vergognoso", aggiunge. "Questa condanna si basa su una errata interpretazione della sharia islamica, e questo è il peggio". Un giovane, Mouloud, confronta questo ultimo incidente in Somalia alle esecuzioni praticate dai talebani in Afghanistan. Ricorda le immagini degli uomini e delle donne decapitate in uno stadio, di fronte agli occhi di migliaia di persone. Anche in Tunisia, la lapidazione della ragazza ha provocato reazioni indignate. Khadija Cherif, Presidente dell’Associazione tunisina delle donne democratiche, ha detto che si trattava di un brutale e barbaro atto commesso da mostri privi di qualsiasi umanità. Ha poi aggiunto: "Condanniamo la violenza contro le donne per qualsiasi finalità, e soprattutto la violenza che toglie loro il diritto alla vita". "Si tratta di un atto commesso da individui che vivono al di fuori della storia. Il pericolo non sono queste persone, ma si tratta di coloro che sono contenuti a guardare, senza affrontarli con forza e con fermezza "Dice Sofiène Ben Hmida, della Lega tunisina per la difesa dei diritti umani. "A prescindere dal reato, ciò che è necessario fare è affrontare l’ideologia religiosa che permette la lapidazione", aggiunge Ben Hmida sottolineando che, dopo tutto,"viviamo in un mondo governato dalle leggi e dalle tradizioni, compresa la Dichiarazione Universale dei diritti dell'Uomo".Secondo la specialista in Islam politico Saloua Charfidit, ciò che è accaduto è "una forma di arretratezza e una violazione dei diritti umani". Ha detto che la sura An-Nur del Corano riporta chiaramente la sanzione contro gli uomini e le donne colpevoli di adulterio. Nulla si riferisce ad una lapidazione a morte". Il Dr Iqbal Gharbi, docente di sharia e principi religiosi presso l'Università di Zeitoun, ritiene che si tratti di una violazione degli insegnamenti dell'Islam e "un atto barbaro che deve essere denunciato". "Ci sono regole chiare nel Corano, che sono la fonte della legislazione", afferma. Nota inoltre che nessun versetto del Corano richiama alla lapidazione. Tali norme, spiega, riguardano solo le coppie sposate, aggiungendo che, in casi estremi, un uomo o una donna che si siano resi colpevoli di adulterio possono essere montato un centinaio di volte. Altre sanzioni vanno dalla reclusione al fatto di infliggere un "dolore morale o finanziario". Gharbi ricorda che la pena può essere applicata solo dopo che quattro testimoni abbiano riportato prove verbali di colpa davanti al giudice, a condizione che essi siano stati presenti nel luogo e nel momento. "L'insistenza che mostrano i giudici nel richiedere la presenza di quattro testimoni è collegata alla volontà di proteggere le donne dalle cospirazioni e per difendere il carattere sacro dei loro corpi", afferma."Questo conferma che l'iniziativa presa da parte dell'Unione dei tribunali islamici non è solo una violazione dell'Islam, ma una diffamazione contro se stesso e contro i suoi valori umanitari". "Questi sono dei crimini medievali, che sono commessi in nome della religione", spiega lo studioso tunisino Bouthaina Ben Salah a Magharebia. "Non dobbiamo rimanere in silenzio". (Fonte: "Arabiyya")
E' un articolo che risale alla lapidazione della ragazzina. Ora lo posto con dedica a Paolaban.

18 commenti:

Anonimo ha detto...

Ciao Alessandra
Forse questo ti può interessare (va contro il luogo comune che la donna nel periodo pre-islamico era trattata meglio)...
stammi bene
Bibi

kiki-e.sosblog.com

Anonimo ha detto...

scusa.. ;-)..

ecco il link

http://www.reuters.com/article/inDepthNews/idUSL136115520080501?sp=true

Bibi

vituccio ha detto...

Da oggi anch'io dedico i miei post alla Paola. (;-

Anonimo ha detto...

Ciao Bibi, grazie mille. :-) Ma infatti l'islam ha in parte migliorato i diritti della donna, permettendole di ereditare, sconsigliando o comunque limitando la poligamia a quattro donne. Il Corano, notoriamente dice che le donne e gli uomini hanno pari diritti e pari doveri: peccato che subito dopo dica che gli uomini sono "superiori" perchè hanno il compito di mantenere la donna e la famiglia! Un'evoluzione, certo, ma 1400 anni fa... .

Anonimo ha detto...

:>
Mentre nessun cittadino italiano si indigna per il rifiuto del Vaticano alla depenalizzazione del "reato" di omosessualità.

Per una volta il Vaticano e l'Iran stanno dalla stessa parte

Anonimo ha detto...

PS

Sempre quel demonietto della paola

Alessandra ha detto...

Molti non hanno capito o non hanno voluto capire, che la contrarietà del Vaticano alla "depenalizzazione" dei gay e delle lesbiche non significa sostenere le violazioni dei diritti umani a cui vanno incontro nei Paesi islamici come l'Iran!

Anonimo ha detto...

ma di fatto le sostiene.
E il Vaticano vota assieme all'Iran e all'Arabia Saudita.

vituccio ha detto...

Senti,il vaticano puó sostenere e votare quello che vuole,stà di fatto che,contrariamente ai sauditi e all'Iran, sia in strada,sia in tribunale,qui nessuno ammazza i gay ne perché il vaticano lo dice ne in nome della religione cattolica.

Che sei atea l'abbiamo capito,ma che sei anti-cattolica pure.

Ma quasi quasi,sotto sotto,non é che ciai un maritino di laggiù??

Semplice curiosità.

Alessandra ha detto...

Vituccio, sì, Paola ha un marito di "laggiù" e l'ha detto. QUESTA è una colpa?

vituccio ha detto...

No no,per niente.Si capisce solo meglio il senso del suo discorso.

Io ho una moglie Francese,quindi niente colpe ok?

Alessandra ha detto...

Ah, ecco.

Anonimo ha detto...

Vituccio prima di appioppare etichette sciacquati la bocca 1000 e una volta.

Non sono atea. Trovo il discorso fede piuttosto personale e intimo.
Ti basti un agnostica.

Il Vaticano non può fare una marea di cose perchè la società italiana - thanks God! - è cambiata.

Non siamo più ai bei tempi della Dama Bianca di Coppi o dell'omosessualità curata negli ospedali psichiatrici. Tutte cose che al Vaticano non disturbavano.

Quanto al marito di quelle parti l'ho sempre detto. Ma vedi per me è stata una fortuna. Perchè sono entrata in contatto con una parte di mondo che altrimenti avrei continuato a conoscere attraverso siti come questi.

Che tu sia un fanatico cattolico integralista lo si è capito da mò.
Visto che per te l'Islam non è una religione ma fascismo travestito.

Quindi non è stato Mussolini a inventarsi questa forma di pensiero politica... ma Maometto ben 1400 anni fa. Devi essere uno storico illuminato.

Anonimo ha detto...

Alessandra questo è bieco maschilismo islamico.

Una donna non può avere opinioni sue a prescindere dal marito?

Sempre io

Ah ecco cosa poi...
I miei discorsi sono così perchè ho sposato un palestinese?
Ma scherzate? Ragionavo così anche prima. Sono una adepta della setta demoniaca del multiculturalismo e una sognatrice: credo nella felice convivenza dei popoli. Nella fratellanza. Come Gesù.

vituccio ha detto...

Ma che belle parole!!!!

Il giorno in cui le popolazioni arabe interpreteranno l'islam i senso logico e razionale allora anch'io crederó nella convivenza con "tutti" i musulmani,tieni presente le virgolette.

I "siti come questi" (che non trovo che sia fanatico),servono solo a denunciare una certa condizione delle donne arabe,e non certo per alterare l'odio verso di loro.Se tu vuoi leggere belle storielle arabe (come la tua personale)ti posso dare qualche link di convertite Italiane,vedrai,andrete molto ma molto daccordo....ma non gli dire che sei contro la lapidazione sennó te le fai come nemiche,o cercheranno solo di spiegarti il come e il perché.

Sogna sognatrice!!

Anonimo ha detto...

Vituccio.

Non mi sono convertita a un bel niente.
Sei incapace di comprendere il tuo prossimo.

ama il tuo prossimo come te stesso.
ama il tuo nemico, perchè che merito c'è ad amare chi già ti ama.

Immagino che da bravo cristiano saprai che ha detto queste "belle parole".

Se fossi nato in Afganistan avresti un occhio di meno, un turbante nero e ti faresti chiamare Mullah Omar.
Tra lui e te non c'è nessuna differenza.
E' la democrazia e il buon senso degli altri che ti impediscono di essere il fanatico che sei.

vituccio ha detto...

Ma certo,io amo i due marocchini arrestati a Milano,spero che escano presto dalla galera.Io amo il mullah,esattamente come lui ama me,e le donne nella sua terra.Ma tra lui e me c'é una "sacra" differenza,io espongo i miei pensieri,dubbi,paure,ma non agisco.Io vivo una vita normale,non mi sognerei mai di andare a far saltare qualcuno in aria.

Infatti,troppa democrazia uccide la democrazia.Democrazia ok,ma ci vuole giustamente anche il buon senso che l'accompagna,sennò si va alla deriva,buon senso che effettivamente tu non conosci e ti illudi che tutto va a gonfie vele.

Tu sei fanatica che vuoi far accettare agli altri l'inaccettabile,questo é fanatismo al contrario.

Poi chi ti ha dato della convertita?non bisogna mica essere convertiti per andare daccordo con gli invasati?

Tu cerchi solo di giustificare l'islamismo argomentando con altre religioni,ma non vai mai al fondo del problema,ti si pone un problema e rispondi con altro.

Neoconservatore ha detto...

Mussolini ha inventato il totalitarismo politico ,ma come si può dire che l'islamismo non sia un totalitarismo.Solo il fatto che ti uccide per quello che sei e non per quello che fai lo classifica come tale
Poi la questione è se l'islam è diverso dall'islamismo,e quindi sia riformabile.
Io essendo neoconservatore sono a favore di qs ipotesi anche perchè se hanno ragione Hirsi Ali o Magdi Allam per l'Europa si può già iniziare a suonare il requiem

E' chiaro che senza la fede in Cristo non ti salvi ed è chiaro che chi ha potuto conoscere Cristo e non ha aderito non ha molte poss di salvarsi(poi se nel caso specifico Dio ti vuol salvare decide insindacabilmente Lui, quindi Cristianesimo si fratellanza ma in nome di Cristo e in Cristo
Poi la grandezza del Cristianesimo stà proprio nel fatto che Dio ti rende per dono pronto a ricevere la grazia ma scegli tu se aderire.Di conseguenza non sei certo autorizzato a imporre ad altri la fede con la violenza devi solo cercare di portarli sulla retta via con il messaggio e l'esempio.Solo Dio giudicherà chi nonha voluto essere Cristiano, non l'uomo
Questa libertà nel Corano non esiste

Sai Paola per me il problema del multiculturalismo,è che tende sempre e comunque a giustificare coloro che non sono occidentali, anche se commettono i peggiori crimini.
Il multicuralista generalmente(non tu nello specifico perchè non ti conosco)fà la giornata contro la tratta degli schiavi neri compiut dagli inglesi olandesi spagnoli etc secoli fà ma sicuro non chiede che due paesi islamici rinneghino la schiavitù ora nel 2008.(mi riferisco a Sudan e Mauritania)
Quando si parla di terrorismo e di jihad la solita risposta è: noi abbiamo fatto le crociate.Si mille anni fà loro le facevano allora e le fanno oggi, così come la schiavitù loro inventarono il commercio e loro continuano a mantenerla in vita
La donna da noi valeva la metà dell'uomo ok, da loro valeva e vale.
Potresti obbiettarmi che l'occidente nel XX secolo ha conosciuto i due peggiori totalitarismi della soria, ok ma perchè ha abbandonato il Cristianesimo e ha cercato di sostituirlo, e queta non è una mia opinione è un fatto storico la contrapposizione "ideologica" di nazismo e comunism al Cristianesimo.
Al contrario l'islamismo, la dottrina dei Fratelli musulmani di Khomenini di Al Zawahiri è contraria si dettami dell'islam?