venerdì 17 ottobre 2008

TV, A "PAPERISSIMA" LA MAROCCHINA RAJAA AFROUD



ROMA, 15 OTT (Velino) -“Paperissima – errori in tv” mette in campo Ronaldinho per il ritorno su Canale5 venerdì 17 ottobre. L’undicesima edizione vede al timone per la terza volta la collaudata coppia Michelle Hunziker e Gerry Scotti, Come nella migliore tradizione del programma non potevano mancare le “Paperette”, quattro fanciulle che renderanno ancor più frizzante il clima dello studio 11 di Cologno Monzese. Sono Rajàa Afroud (27 anni, da Temara Marocco), Marianna Angelucci (21 anni, da Crotone), Simona Esposito (18 anni, da Napoli) e Chiara Panzieri (25 anni, d Roma), arrivate direttamente dal casting di “Veline”.

Rajàa è venuta in Italia quando aveva tre anni.
Nella foto a destra è quella riccia mora in piedi, di fianco a Michelle Huziker. L'anno scorso aveva partecipato a "Miss Italia", vincendo una fascia.

7 commenti:

vituccio ha detto...

eummm che bella!!!! questa di marocchina mi sà che cià solo il nome...per il resto....eummm....tutto da vedere....anche una miss Italia cosí non mi dispiacerebbe.

L'integrazione passa anche (ma non solo) con questo,altro che veli e veletti,burka e burketti.

Anonimo ha detto...

Sono d'accordo. :-)
Comunque cercando qualcosa su di lei in Internet, ho trovato l'articolo dell'anno scorso che parlava di "Miss Italia": Rajàà non è molto praticante, ma osserva il Ramadan, come lo stava osservando durante il concorso. Allora aveva affermato di sentirsi "50% italiana e 50% islamica" (sono due cose sempre e comunque incompatibili?!)... . Però a vederla a un concorso di bellezza, poi a "Veline" e da ultimo a "Paperissima", mi sembra che abbia raggiunto un livello di emancipazione sufficiente! E' vero: l'integrazione passa anche (ma non solo) da lì (come l'emancipazione).

Alessandra ha detto...

Ero io! :-)

ilMaLe ha detto...

Essere italiana e islamica non è imcompatibile, anzi! La nostra costituzione parla chiaro. Ogni cittadino è uguale senza distinzioni di Religione. E' uno come Ratzinger che sarebbe INCOMPATIBILE con il nostro stato laico. Difatti se ne resta chiuso in Vaticano.

Alessandra ha detto...

Infatti non mi è piaciuta la dichiarazione di Rajàa che sente "50% italiana e 50% islamica".
Chiuso in Vaticano Ratzinger? Non più di tanto... .

barbara ha detto...

Quindi se ne deduce che, o l'italianità è una religione, o l'islam è una cittadinanza ... Sicuramente la bimba è una gran bonazza, ma con l'intelligenza non sembra che la natura sia stata altrettanto generosa con lei ...

Alessandra ha detto...

Sai, Barbara, la ummah, la "nazione islamica"... . L'intervista è dell'anno scorso: mi aguro che adesso non direbbe più una cosa del genere. :-) La ragazza è una che evidentemente vuole vivere libera e a quanto pare non è un'integralista: direi che è sufficiente.