mercoledì 8 ottobre 2008

PROGETTO "A SLIM PEACE": DONNE ISRAELIANE E PALESTINESI INSIEME PER DIMAGRIRE

Quando l’incontro non è affatto un “magro” risultato.

Con inizio dopo il Ramadan musulmano e il Capodanno ebraico, un gruppo di donne palestinesi e israeliane si incontrerà faccia a faccia a Gerusalemme. Non per ragioni politiche, non per incolparsi a vicenda su chi ha ragione o torto nel conflitto mediorientale: queste donne si concentreranno sul loro giro-vita, condividendo il semplice e comune desiderio di perdere peso.“A Slim Peace” (Una pace esile) è un gruppo fondato nel 2006 da Yael Luttwak (nella foto, ndr) , una cineasta isreaelo-americana di 36 anni cresciuta a Washington D.C. Mentre combatteva con i propri problemi di peso in Israele, ha raccolto un gruppo di 14 donne israeliane e palestinesi per documentare le loro esperienze comuni, incontrandosi a Gerusalemme per un periodo di sei settimane. Se quella in Israele è stata una delle prime filiali di Weight Watchers costituite fuori dagli Stati Uniti, solo di recente le donne palestinesi – grazie alla TV americana – hanno cominciato ad afferrare l’importanza del mangiare sano e della dieta.
Il documentario di Luttwak – proiettato al Tribeca Film Festival di New York city e in tutto il mondo – presenta in modo umoristico i sorprendenti legami che queste donne israeliane e palestinesi stabiliscono mentre imparano come far ginnastica, nutrirsi meglio e i benefici della dieta mediterranea. Alcune donne hanno perfino scoperto di avere di più in comune con il “nemico” che non con i vicini di casa.“Prima, i soli israeliani che conoscevo erano i soldati ai posti di controllo e pensavo che fossero tutti brutali – dice la studentessa palestinese Enas Smoom – Ma nel gruppo dimentichiamo di essere israeliane e palestinesi: siamo solo donne che parlano di nutrizione”. Da quando è uscito il film, l’idea si è ingrandita fino a diventare un progetto comunitario sovvenzionato fino all’anno prossimo da un ente benefico inglese, The Charities Advisory Trust, con quattro diversi gruppi di donne che si sono incontrate a Gerusalemme nell’ultimo anno: “Abbiamo donne che sono sovrappeso e donne che vogliono solo essere più sane”, racconta Luttwak. (Fonte: "Liberali per Israele", da Ha'aretz, 2.10.2008)
Yael Luttwak, che attualmente divide il suo tempo fra Tel Aviv e Londra, considera le donne come importanti educatrici in casa. Influenzano ed educano i figli e sono di solito quelle che fanno la spesa: “L’idea è che si incontrino” spiega Luttwak, che nel frattempo ha trovato una sede in una scuola internazionale con base a Gerusalemme dove tutte le donne, che normalmente non incontrerebbero “l’altra parte”, si sentano bene accolte. Ora le sessioni in corso permetteranno alle donne palestinesi e israeliane di incontrarsi per dieci settimane, una volta la settimana, per sessioni gratuite in cui si offrono consigli e supporto nutrizionista, tenute da Suha Khoury e Odelya Gertel-Kraybill. Può essere che non perdano tutto il peso che vorrebbero perdere, e ammettono che dieci settimane sono poche per imprimere seri mutamenti al proprio stile di vita, per non parlare del processo di pace; ma le donne partecipanti e organizzatrici hanno in mente un obiettivo a più lungo termine: “Questo corso offre una prospettiva di speranza, e le donne capiscono dalla propria esperienza che può davvero funzionare – dice Khoury – Confido che trasmetteranno questa convinzione ai loro figli”.

2 commenti:

barbara ha detto...

bello!

Alessandra ha detto...

Vero? Anche originale.