mercoledì 8 ottobre 2008

GRAN BRETAGNA, "BANDITE IL VELO!", CHIEDONO I PROFESSORI


Circa la metà dei professori credono che il velo islamico dovrebbe essere bandito dalle scuole, secondo un nuovo studio.


Il 46% dei professori di scuole primarie e secondarie dice che permettere agli allievi di portare simboli religiosi è contrario ai valori britannici. Temono anche che ciò scalzi il lavoro volto a favorire la buona intesa razziale e religiosa nelle scuole. Questi risultati, che provengono da un sondaggio di YouGov, alimenteranno il dibattito sul porto dei simboli religiosi a scuola.
Attualmente, ogni scuola può determinare liberamente la sua politica, ma secondo una successione di decisioni di giustizia recenti, alcune politiche si collegavano "a discriminazione illegale". In luglio, una giovane donna sikh ha vinto il suo processo per discriminazione contro la sua scuola che gli aveva proibito di portare il suo braccialetto religioso.
John Dunford, segretario generale dell’Association of College and Student Leaders, difende il diritto di ogni scuola di decidere la sua politica. Dice di essere "molto ansioso" per il fatto che i tribunali possono "impedire a scuole in futuro di definire le norme delle uniformi che convengono loro". (Fonte: "Scettico", dal Daily Telegraph)
"Quando esiste una Comunità religiosa riconoscibile, è nelle pratiche che la scuola discute sulle uniformi con questa Comunità, come lo fa con i genitori", aggiunge.
Secondo Christine Blowers, segretario generale dell'unione nazionale dei professori, è la coesione che soffre quando gli allievi violano il regolamento sul vestiario. "Ci dovrebbero essere principi di base a scuola ai quali tutti si sono piegati, come l'abbigliamento o il linguaggio. Se individui non rispettano questi principi, quello può dare la sensazione che diventa più difficile gestire la scuola".
Questo sondaggio, realizzato per Teachers TV, rivela che più del 70% dei professori sono d'accordo sul fatto che la promozione dei valori britannici fa parte del ruolo del professore. Secondo Andrew Bethell, il presidente di Teachers TV, questi risultati dimostrano "una presa di distanza rispetto al multiculturalismo nella Gran Bretagna del dopo 7 luglio" (data degli attentati di Londra). "I professori sembrano pensare in modo crescente che celebrare la differenza, ciò non basti più. Gli allievi hanno bisogno di una sensazione d'identità comune, e la `Britannicità' è una parte importante".

5 commenti:

vituccio ha detto...

Possono sempre provare a proibire gli abbigliamenti ridicoli, non ce la faranno....Gli invadenti sono già molto più avanti.

Alessandra ha detto...

Infatti a meno che non si parli di niqab o burqa, non mi fanno impazzire neppure i divieti del velo.

ilMaLe ha detto...

Ma se una vuole mettersi lo hijab o il chador a scuola, dov'è il problema? A meno che vi sia una legge interna all'istituto (o statale) che obblighi una divisa, allora uno studente può vestirsi come gli pare purchè mostri il volto. E questo chador e hijab lo permettono. Niqab e Burqa sono casi a parte: coprono il viso e per legge sono vietati in edifici pubblici.

isma84 ha detto...

ilmale è proprio cosi ognuno si può vestire come vuole rispettando gli altri è una scielta della persona se una volta usciti dal proprio paese e si va in un altro continuare ad indossare abiti della propria cultura...quindi basta puntare il dito contro l'islam

Alessandra ha detto...

Poi sarebbe interessante sapere quante studentesse si velano per scelta e quali no... ,