domenica 22 giugno 2008

DONNE IRACHENE CHIEDONO L' ALLONTANAMENTO DEL REGIME IRANIANO DALL' IRAQ, E IL LORO SUPPORTO AL PMOI

NCRI- Decine di associazioni e di organizzazioni di donne irachene, incluse la sezione femminile del Movimento Nazionale per la Conciliazione e la sezione femminile del Fronte Nazionale per il Dialogo, durante un incontro tenutosi nella città di Ashraf hanno dichiarato il loro supporto per la Resistenza Iraniana e hanno chiesto l’allontanamento del regime iraniano dall’Iraq.I partecipanti hanno dichiarato il loro supporto a Maryam Rajavi, presidente eletta del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana e hanno espresso solidarietà nei confronti delle donne appartenenti all’Organizzazione dei Mujahedin del Popolo iraniano (PMOI/MEK) residente nella città di Ashraf in Iraq. La riunione delle donne iraniane ha avuto luogo all’interno del Congresso di Solidarietà del Popolo iracheno.La speciale sessione femminile, a cui hanno preso parte molte più di 42 organizzazioni e associazioni femminili, si è tenuta nella città di Ashraf . (Fonte: sito delle "Donne democratiche iraniane", 20/6/2008). Molte importanti donne irachene hanno preso la parola durante l’incontro. Sediqeh Hosseini, segretario generale dell’Organizzazione dei Mujahedin del Popolo iraniano(PMOI) è stata una delle oratrici in questa occasione. La sig.ra Hosseini ha affermato : oggi per me è un giorno storico e meraviglioso perché vedo che le donne iraniane stanno raprresentando fino in fondo il loro ruolo storico.Questa unità, solidarietà, felicità e entusiasmo per la libertà e l’uguaglianza merita le mie congratulazioni.Questa unità rappresenta un significativo passo avanti verso la vittoria sul fascismo religioso. La sig.ra Faeza al-Ubaidi presidente della sezione femminile dell’Accordo Nazionale Iracheno diretto dal Dr. Ayad Allawi, ha sottolineato l’importanza della solidarietà tra le donne patriottiche e ha affermato: In primo luogo voglio pregare Dio per il benessere dei fratelli e delle sorelle del PMOI residenti ad Ashraf dopo l’attacco missilistico del regime clericale; questo attacco è un segno della debolezza del regime e della vostra forza e un segno del vostro impegno per la salvezza di due nazioni: l’Iran e l’Iraq. Dobbiamo essere uniti per vedere realizzati I nostri desideri in entrambe le nazioni e per fondare un governo libero dal regime iraniano.Il regime iraniano vuole separare le nostre due nazioni ma noi dobbiamo unirci con tutti i patrioti e non dobbiamo lasciare che il regime iraniano realizzi la sua politica settaria in Iraq. Gli altri oratori al Congresso sono stati:• Ms. Roqiyeh Abbassi, funzionario del PMOI• Mrs. Makkiya Abboud, presidente della sessione femminile del Fronte Nazionale per il Dialogo.• Mrs. Karima Dawoud, giurista• Mrs. Mona Adnan, presidente dell’Unione Donne Irachene • Mrs. Saham Abdulhussein, chairwoman of Women Union in Kirkuk , Diyala and southern Iraqi provinces• Mrs. Amira Abdulhussein, presidente della Società di Karkh per l’ambiente – Movimento Nazionale per la Conciliazione.• Mrs. Maison Majid, presidente dell’Associazione per la compassione e la carità. Mrs. Maryam Rajavi, Presidente eletta della Resistenza Iraniana in un video messaggio al Congresso ha affermato : Attraversiamo un momento cruciale nella storia dell’Iran, dell’Iraq e dell’intera regione; ci sono le basi per cambiare l’era dominata dal fascismo oscuro protetto dalle bandiere della religione in una democrazia.

3 commenti:

Stefano Maestri. ha detto...

Mi sembra ottimo.
Un mio amico iraniano, mi diceva che in Iran i Mullah hanno paura di perdere il potere perché in tal caso verrebbero impiccati dalle donne.
Spero che quel giorno arrivi Prestissimo.
Stefano.

Alessandra ha detto...

:-))) Vero.

Grillo Pensante ha detto...

Mi unisco all'augurio.
Marino.