mercoledì 28 gennaio 2009

QUANDO IL CHADOR SERVE PER RUBARE

Una donna di 30 anni, italiana, sposata con un marocchino e convertitasi alla religione musulmana, aveva infatti escogitato un sistema originale per poter svaligiare i negozi senza essere disturbata. Si recava, infatti, nei centri commerciali con figlio minorenne e con grande maestria s'infilava sotto il tradizionale abito nero prodotti tecnologici, dal navigatore satellitare al palmare di ultima generazione. Non senza prima aver tagliato con un coltello a serramanico il sigillo antitaccheggio così da poter uscire senza far scattare l'allarme. (…) Giustificazione? Lei è senza lavoro, il marito in cassa integrazione. Furto per necessità. (Fonte: "Unpoliticallycorrect", da "Il Giornale")

Is it permissible to steal from the kuffaar?

The Muslim who regards the kaafirs’ wealth as permissible, whether he is in a Muslim country or in a kaafir country, is doing the kaafirs a great favour and helping them to distort the image of Islam and Muslims; he is thereby helping those who are launching attacks against Islam.

4 commenti:

Vituccio ha detto...

Un motivo in più per vietare quei burka-camicioni.

Furto per necessità!!!!

Pensavo che l'islam non fosse materialista,e poi vengono a fare la morale a noi,proprio stí convertiti.

Alessandra ha detto...

Bèh, non è neppure detto che i musulmani, essendo anche loro esseri umani, si comportino sempre e comunque come dice l'islam. Certi convertiti poi si permettono di fare la morale pure a musulmani che convertiti non sono!!! Forte, no? :-)

barbara ha detto...

Ah, ecco, non è che non si debba rubare agli infedeli perché è immorale, perché è criminale, perché danneggia un essere umano, no, quando mai! Non bisogna rubare agli infedeli perché questo potrebbe DARE UN'IMMAGINE DISTORTA DELL'ISLAM!! Se una volta erano il gesuitismo o il fariseismo ad essere sinonimi di ipocrisia, sembra proprio che siano stati entrambi molto ma molto abbondantemente superati.

Alessandra ha detto...

Sì, ancora una volta ci si preoccupa dell'IMMAGINE dell'islam e non della sostanza!