domenica 18 gennaio 2009

INDAGINE SULL' EVOLUZIONE DELLA DONNA IN MAROCCO. TRA PREGIUDIZI E TRADIZIONI


Indagine Tel Quel sulla donna marocchina.

Livello di istruzione, reddito conseguito, numero di figli, stato civile… per le donne del Marocco il 2000 è molto diverso dalle generazioni precedenti. Questo indicano i risultati di un sondaggio condotto dall’Alto Commissario per la donna. I dati più importanti.

La donna marocchina si sposta, cambia, a quasi tutti i livelli, anno dopo anno. Questo è ciò che emerge da una serie di diagrammi, grafici e curve raccolte nella ricerca della HCP e resa pubblica in occasione del Giornata della donna marocchina, il 10 ottobre. Cittadina o contadina, la donna marocchina del 21° secolo non ha nulla a che vedere con quella della fine degli anni '80. E ancor più nette sono le conseguenze di questa nuova indipendenza.
La moglie, il matrimonio, i figli.
Nel 2007, le donne marocchine, che rappresentano la metà della popolazione del Regno, vivono più a lungo. La loro aspettativa di vita è passata dalla media di 66,4 anni del 1987 ai 73,7 del 2007. E, come nel resto del mondo, esse hanno una sopravvivenza maggiore degli gli uomini, attestati intorno ai 71,2 anni. L'età media del matrimonio è diminuita in entrambi i sessi. Lo scorso anno è stata di 27,2 anni per le donne e di 31,8 per gli uomini. Il fenomeno non si limita alle sole aree urbane, ma si estende anche nelle zone rurali del Marocco. Il dato omogeneo che ne deriva è che le donne marocchine si sposano in età sempre più avanzata. Non mancano le dirette conseguenze. In primis il declino della fecondità, che si spiega anche con l’aumentato uso di contraccettivi. Nel 2007, il numero medio di figli per donna è stato di 2,77, rispetto al 5,8 di venti anni prima e, soprattutto. All’eclatante 7,2 nel 1960! Dopo l'indipendenza, il Marocco ha registrato la più alta crescita demografica della sua storia. Nelle campagne, gli atteggiamenti iniziano a cambiare. "L'attuale fertilità è notevolmente cambiata in termini nominali rispetto al Marocco rurale e contadino di 50 anni, perché il potere non è più legato alla terra e al numero di figli maschi, portando il nome e garanti del onore della famiglia", ha spiegato già nel 2005 la ricercatrice Hayat Zirari, in una relazione dal titolo Evoluzione delle condizioni di vita delle donne in Marocco. Oggi, l’evoluzione della donna marocchina si sta concretizzando attraverso un aumento dell'importanza della contraccezione.
Donne di casa e donne sole.
Nonostante questi progressi, una parte della popolazione femminile vive in povertà, in particolare le donne capofamiglia. Nel 2007, 18,7% di famiglie marocchine sono state dirette da donne, costrette a supportare da sole le esigenze dei membri della famiglia. La maggior parte di esse sono vedove (54,2%), disoccupate (70,8%) e senza diploma (88,2%). A seconda dei casi, esse sopravvivono grazie ad una pensione di reversibilità, a degli assegni sociali, o con l'aiuto dei loro figli o di altri membri prossimi familiari. Nella categoria delle donne che vivono da sole, primeggiano di nuovo le vedove (dall’età media piuttosto alta), con quasi il 62%. E 'molto difficile per le vedove di risposarsi, indipendentemente dall’età. Le single, invece, rappresentano soltanto il 15,5% delle donne che non vivono con le loro famiglie!
"Ciò dimostra che in Marocco l'interdipendenza sociale è in diminuzione. I bambini non vivono necessariamente con i loro genitori o i loro nonni". La sociologa Assia Akesbi sostiene che "questo dato non è necessariamente sintomo di declino, perché è sintomatico della possibilità di scelta di alcuni genitori". (Fonte: "Kritikon")
L’emancipazione tramite la scuola.
Un altro miglioramento è rappresentato dal declino dell’analfabetismo. Negli anni sessanta, il 96% delle donne non sapeva né leggere né scrivere. Oggi esse sono “solo” il 52%. La campagna di sensibilizzazione lanciata in Marocco alla fine degli anni '90, in particolare nelle zone rurali, ha raggiunto buoni risultati: l'iscrizione delle ragazze alla scuola è in netta progressione. Anche se la percentuale raggiunta permane comunque largamente insufficiente. Nelle zone rurali, il tasso di iscrizione delle ragazze di età tra i 6 e gli 11 anni è passata dal 22,5% del 1990 all’ 87,7% del 2007. Purtroppo, nel paese, le possibilità per una ragazza di completare la propria istruzione diminuiscono con l’aumento della sua età. Difatti, solo il 15,7% delle ragazze di età compresa tra 12 a 14 frequentato la scuola nel 2007 (contro il 1,1% nel 1990). Questo non implica un aumento del tasso di ragazze nell'istruzione secondaria, ma anche in quella superiore. All'università, le iscrizione delle donne sono concentrate in settori come la chirurgia dentale (che rappresentavano il 67,9% dei laureati tra il 2005 e il 2006), della medicina o della farmacia (62,2% dei laureati tra il 2005 e il 2006). Quando si parla di orientamento professionale, le donne preferiscono diventare tecnici specializzati (non a caso oggi rappresentano il 40% degli effettivi). Tuttavia, le donne marocchine hanno ancora una lunga strada da percorrere sia a livello accademico che professionale. Non dobbiamo difatti dimenticare che, nel 2007, gli studenti di sesso femminile rappresentavano a malapena l’ 8,7% delle donne del Regno. E che la realtà odierna resta sempre molto difficile: più della metà delle donne marocchine resta una casalinga.
Divorzio. La felicità delle donne.
Nel 2007, il Dipartimento di giustizia ha registrato qualcosa come 27.904 atti di divorzio. Di questi ben 26.457 sono stati presentati dalle mogli. Quale spiegazione per tutto questo fermento? La risposta è nella Moudawana. Il nuovo corso, che ha agevolato l'uso di divorzio, ma anche il cambiamento di mentalità di alcune donne. "Sono meno dipendenti sotto l’aspetto economico, e quindi meno sottomesse. Non solo, richiedono molto di più dai loro mariti. E molti mariti questa cosa proprio non la sopportano", spiega la sociologa Assia Akesbi. Secondo i dati raccolti dall’Alto Commissario per il piano, la maggior parte dei divorzi si concludono con l’applicazione della clausola del risarcimento, noto come khoulaâ (29,58%), o con la consensuale (29,54%). Il resto è rappresentato da divorzi revocabili, detti rijii (22,68%), divorzi per matrimoni non consumati (17,42%) o su iniziativa della moglie per esercizio dell’opzione (0,46%). Si rileva che i divorzi intervenuti dopo già due separazioni rappresentano solo il 0,31%.

2 commenti:

caposkaw ha detto...

bene, bene!
più donne emancipate, più caproni in crisi!

Anonimo ha detto...

Io vorrei sapere un paio di cose io sono marchi sono stato obbligata a sposarsi a sposarsi16 anni e sono rimasta incinta nn sopportava piu la vita con lui è lasua famiglia mi trattavano come"schiava di caos"e sono tornata in italia dove sono crescita ora vorrei separarmi nn so come perché o paura di andare in Marocco cn la bambina voreisapere cm sono le leggi in questi casi grazie