giovedì 8 gennaio 2009

AFGHANISTAN/ STUPRATA E SVENTRATA DALLA MADRE PER FARLA ABORTIRE


Ovviamente si consiglia la lettura a stomaci forti, molto forti... .

L’orrore giornaliero che devono sopportare le donne musulmane non finisce mai di angosciarmi.
A volte mi chiedo se i loro uomini, padri, mariti e fratelli abbiano qualcosa di umano, una scintilla che li renda degni di essere ritenuti tali. E mi chiedo come possano certe donne musulmane che hanno già provato sulla propria pelle le torture di una società barbara, misogina e crudele, imporle alle proprie figlie.
Mi chiedo come possa un padre strozzare la figlia quattordicenne perché crede sia incinta o come possano una madre ed un fratello ad aprire il ventre con un coltellaccio ad una ragazzina, rimasta incinta dopo essere stata stuprata, per farla “abortire” in modo da non macchiare l’onore della famiglia.
La povera ragazza aveva tenuto nascosta la gravidanza per ragioni lampanti ma “due giorni fa in famiglia si è venuti a conoscenza dello scandalo, la madre e il fratello hanno legato la ragazza per le mani e per i piedi, l'hanno trascinata nella stalla, le hanno aperto il ventre con una lama e hanno tirato via il feto di cinque mesi. La ferita è stata quindi ricucita con un ago utilizzato per chiudere i sacchi della farina.
Una “cosa” legata e sventrata come un animale e ricucita come un sacco di farina, incuranti del terribile dolore che le si infligge. E’ agghiacciante.
Non pagheranno questa brava madre e questo solerte fratello come non pagherà il padre che ha strozzato la figlia perché una sera ha avuto un po’ di nausea, in un paese dove bere una birra o mostrare qualche centimetro di pelle può costare molto caro.
La sharia ammette qualsiasi obbrobrio se è perpetrato per “salvare l’onore” e considera il padre proprietario della vita dei figli e la sharia è legge, come il nostro codice penale, nella maggioranza degli stati musulmani... .
("Orpheus")

Ed ecco come si rilassano i membri di Hamas in queste notti, dopo spossanti combattimenti contro il "nemico sionista", usando come scudo umano il loro stesso popolo:http://www.memritv.org/_email.php/en/1975 .

17 commenti:

vituccio ha detto...

...peggior scenario di un film d'orrore.

Povera ragazza,nascere in una famiglia di selvaggi é non avere fortuna...e pertanto certi cretini continuano a ripetere che questi allogeni sono una chance per noi occidentali,una ricchezza per l'Europa,e fanno finta di essere sorpresi da queste barbarie al giorno d'oggi,allora che lecommettono da secoli.

Alessandra ha detto...

Ci sono immigrati che sono naturalmente una ricchezza, ma certi altri... .

Anonimo ha detto...

e per fortuna che in Afghanistan siamo andati a portare la democrazia e a difendere i diritti umani .... non è che si sia ottenuto gran chè...Grandmere

Alessandra ha detto...

Sì, è evidente non solo che la democrazia non si possa esportare, ma che se un popolo non è pronto, non c'è guerra che tenga!

Stefano Maestri ha detto...

L'albero si vede dai frutti.
Questi sono i frutti dell'albero di Maometto

caposkaw ha detto...

non ho niente da dire, tranne che mi piacerebbe usare un lanciafiamme sulla famigliola abortista...

Alessandra ha detto...

Direi che il problema non è tanto il fatto che la famigliola sia abortista, quanto il motivo per cui lo è, il MODO per praticare l'aborto, il fatto che la RAGAZZINA sia rimasta incinta dopo essere stata STUPRATA, che insieme al fratello della poveretta, sia stata anche sua MADRE a sventrarla... .

caposkaw ha detto...

calma, eh?
non cominciare la pappardella che l'aborto è un DIRITTO...
mi sembra evidente che degli affari che fanno una cosa del genere a lla loro figlia e sorella vanno eradicati dalla faccia della terra...

Alessandra ha detto...

Non dico questo, dico che in questo caso il problema non mi sembra l'aborto in quanto tale.

vituccio ha detto...

Beh il problema é l'"onore" e la misoginità di questi popoli,che vanno democratizzati o come dice caposkaw devono essere eradicati,o allora se non vogliamo abbassarci ai loro livelli,lasciarli nella loro merda impedendoli di venire qui.

Anonimo ha detto...

un antico proverbio arabo dice che l'onore di un uomo sta tra le gambe delle donne della sua famiglia.....
aggiungo io che il cervello dell'uomo arabo sta tra le sua stesse gambe

eudora

Alessandra ha detto...

Ecco, evitiamo generalizzazioni, PLEASE! "L'uomo arabo"... . E comunque l'Afghanistan non è arabo.

Anonimo ha detto...

so benissimo che l'afghanistan non è arabo, ma il proverbio lo è e la mia aggiunta si è attenuta alla provenienza del proverbio. forse avrei dovuto rispondere usando l'espressione "homo islamicus".

Alessandra ha detto...

Ecco, sarebbe già stato più adatto: grazie al cielo i musulmani sono persone e non rientrano tutti in quella categoria.

Anonimo ha detto...

anche di fronte a queste atrocità c'è sempre qualche bastardo comunista che difende questi animali!

ma io dico, ma perchè il bastardo comunista non accoglie in casa sua il musulmano????? invece di lasciarlo sulle spalle di tutti, compresi QUELLI COME ME, CHE NON LO VOGLIONO???????????

il risolutore ha detto...

non meritano d'essere chiamati uomacqua potabileni come noi.sono demoni che non meritano di respirare la nostra aria e bere la nostra acqua. una atomica di quelle vere
e risolto il problema .piu cibo e piu acqua,al diavolo chi dice poveri bambini,tanto è mèglio la fine che fanno:sgozzati come non merita nemmeno un cane,violentati dalla propria madre,e se campano
comunque diventano peggio dei loro
genitori.ma che minckia sono.via facciamoli fuori in nome di DIO ORA BASTA CA:::::::
genitori

Anonimo ha detto...

di fronte a tanto orrore non posso che chiedere a tutti di sottoscrivere una petizione al mio sito mannaggiacristoèdinuovonatale.org

ricordo a tutti il potere del PORCODEDDIO.
sono angustiato dal demone di Padre Pio per questa notizia. Noè bestia!