mercoledì 26 novembre 2008

ROMEO E GIULIETTA TRA EBREI E MUSULMANI



La storia di 'Romeo e Giulietta' con protagonisti musulmani e ebrei, che vivono i propri sentimenti al di là del conflitto. E' la chiave con cui almeno tre film quest'anno rielaborano la tragedia di Shakespeare: 'In Fair Palestine', realizzato da alcuni liceali di Ramallah; David and Fatima di Alain Zaloum, sull'amore tra un soldato israeliano e una ragazza palestinese, e il canadese Adam's wall di Michael MacKenzie, sul legame a Montreal tra un ragazzo di origine israeliana e una giovane libanese.
Dopo il debutto a gennaio in Palestina, sarà a dicembre al Sottodiciotto Festival di Torino, In Fair Palestine: a story of Romeo and Juliet, la docu-fiction realizzata 'no budget' dagli studenti delle due ultime classi superiori della Quaker-run Friends' School di Ramallah. Coordinato da un professore di inglese, Doug Hart, il film diretto da uno dei ragazzi, Yazan Al Nahhas, e interpretato dai suoi compagni, mescola la rilettura della vicenda di Romeo e Giulietta, a scene di vita di tutti i giorni dei ragazzi palestinesi.
Dopo il debutto a gennaio in Palestina, sarà a dicembre al Sottodiciotto Festival di Torino, In Fair Palestine: a story of Romeo and Juliet, la docu-fiction realizzata 'no budget' dagli studenti delle due ultime classi superiori della Quaker-run Friends' School di Ramallah. Coordinato da un professore di inglese, Doug Hart, il film diretto da uno dei ragazzi, Yazan Al Nahhas, e interpretato dai suoi compagni, mescola la rilettura della vicenda di Romeo e Giulietta, a scene di vita di tutti i giorni dei ragazzi palestinesi. (Fonte: "Liberali per Israele", 23/11)
Guardate anche permalink, permalink e http://www.memritv.org/clip/en/1915.htm da "Caposkaw.
"Abbiamo pensato di usare una piece che ha valori e principi universali e che tratta di matrimoni combinati, guerre tra famiglie, amore a prima vista, vita di adolescenti per esprimerci in una maniera diversa da quella in cui i media occidentali ci rappresentano" ha spiegato Tarek Knorn, cosceneggiatore e attore nel film. In questa versione modernizzata, che segue fedelmente il testo shakespeariano, i palestinesi Romeo (Abdul-Majeed Tahboub) e Giulietta (Deema Totah), appartenenti a famiglie rivali, si incontrano a una festa che celebra il pellegrinaggio alla Mecca. L'elemento del conflitto israeliano-palestinese, trattato solo marginalmente nel film dei ragazzi, è centrale invece in David and Fatima dell'egiziano-canadese Alain Zaloum, che comprende nel cast in ruoli di contorno, Martin Landau (nella parte di un rabbino anticonvenzionale) e Tony Curtis. La pellicola (che ha debuttato a Los Angeles a settembre), ambientata a Gerusalemme, ma girata quasi interamente negli Stati Uniti (più qualche scena in Israele) con interpreti statunitensi, ha vinto il Mondavi Award per la pace e la comprensione culturale. La storia è quella di David (Cameron Van Hoy) israeliano idealista impegnato nel servizio di leva, che nella città santa incontra e si innamora di una ragazza palestinese, Fatima (Danielle Pollack). Come prevedibile, la loro relazione incontra l'ostilità feroce delle rispettive famiglie. "Sono nato in Medioriente e ho una moglie israeliana, quindi penso di capire le ragioni e le tensioni tra le due parti - ha detto Zaloum -. Il fatto di essere di religione cristiana forse mi ha dato più obiettività nel raccontare questa storia" (vedi official web site).
L'amore contrastato tra un ebreo e una musulmana ritorna in Adam's Wall di Michael MacKenzie. Il film, prodotto e da poco distribuito in Canada ha avuto la sua prima mondiale al Festival du Nouveau Cinema du Montreal. Protagonisti della vicenda sono Adam (Jesse Aaron Dwyre), adolescente i cui genitori sono stati uccisi in Israele, che vive a Montreal con il nonno ebreo ortodosso, e Yasmine (Flavia Bechara), ragazza musulmana emigrata dal Libano con parte della sua famiglia, attivista per i diritti dei palestinesi. I due si incontrano a una protesta studentesca e tra loro scatta un legame immediato.
Ad ostacolarlo, l'odio del nonno di Adam per gli arabi e nuove tensioni legate all'improvvisa scomparsa in Libano della mamma di Yasmine. "Intorno a questo conflitto c'é una grande rabbia e io non volevo mostrarlo in una versione edulcorata - ha spiegato il regista - allo stesso tempo la storia è riportata a un contesto quotidiano. Non esistono soluzioni immediate per uno scontro come questo ma va ricordato che anche un piccolo gesto può aiutare".

10 commenti:

caposkaw ha detto...

ma romeo e giulietta finisce male...
sperem!

e poi o.t.
http://caffenero.ilcannocchiale.it/2008/11/26/news_dal_medio_oriente.html
sarei onorato della tua visita.

Alessandra ha detto...

Perchè "sperèm"?
Ok, ci vengo tra 10 min. :)

ilMaLe ha detto...

E che dire di questo: un po' di rap

http://www.corriere.it/esteri/08_novembre_26/rap_gaza_26def780-bbab-11dd-abb5-00144f02aabc.shtml

Alessandra ha detto...

E' su quella band iraniana...?

Anonimo ha detto...

A volte un film può fare molto di più di tanti incontri al vertice, almeno nell' anima della gente...Grandmere

ilMaLe ha detto...

No, sono ragazzi di Gaza. Ovviamente osteggiati dai boss di Hamas.

Alessandra ha detto...

Ok, Leo.

caposkaw ha detto...

no , é che io ho un debole per le storie a lieto fine... spero sempre che romeo&giulietta si sposino , vivano felici e abbiano tanti bei bambini...

Alessandra ha detto...

Ah, ecco! Avevo capito che ti augurassi il contrario per i protagonisti di questi film! :))

Kritikon ha detto...

Vero. Fra Romeo e Giulietta finisce proprio male... Ma il messaggio è destinato a rompere (e ci riesce) una consuetudine della società chiusa. Basta un secoluccio e ci si arriva....