mercoledì 5 novembre 2008

FIERA DEI SUOI FIGLI


TENGGULUN (Java) - la madre di due dei principali finanziatori dell'attentato alla bomba di Bali che ha causato la morte di 202 persone, ha dichiarato venerdì che i suoi figli avevano avuto ragione "a uccidere infedeli" mentre il plotone d'esecuzione si prepara ad applicare la pena di morte ai due condannati. Dopo avere lavorato tutto il giorno nei campi ed avere visitato la moschea, Tariem, 70 anni, ha parlato all'AFP nella sua casa nel villaggio di Tenggulun, nell'Est di Java. "Non piango. Prego dio" dice. Amrozi e Mukhlas, due dei suoi 13 figli, sono condannati a morte per terrorismo ed attendono la loro sentenza in una prigione dall'altro lato di Java. "Penso che l'omicidio di infedeli non sia una colpa, poiché non pregano", dice sedendosi sul suolo in pietra della casa familiare circondata dai bambini della moglie di Amrozi. "I miei figli hanno ragione. Mi sveglio alle 2:00 ogni mattina per pregare per loro". Nessuno, fra i parenti dei terroristi ha mai espresso il rammarico per la carneficine che hanno perpetrato il 12 ottobre 2002, nei ritrovi notturni turistici sull'isola di Bali. Più di 160 turisti stranieri di cui 88 australiani sono stati uccisi in quell'esplosione, uno dei peggiori attentati commessi in nome dell'islam dall'11 settembre 2001. Ali Imron un terzo figlio, sconta una pena all' ergastolo per il suo ruolo nell'attentato. "I miei figli erano soliti condurre la preghiera alla moschea, ora non lo fanno più. Questo mi manca" dice Tariem sotto il suo scialle. Il fratello minore Ali Fauzi, 38 anni, dice che la famiglia non ha fatto programmi per i funerali e non è stata informata delle esecuzioni, aggiungendo che di essere sicuro che Amrozi e Mukhlas sono "sulla giusta strada" per i loro ultimi giorni. "Hanno sempre l'aria così felice, sono certo che conducono una buona lotta", dice. Per Fauzi, la famiglia non deve avere alcuna vergogna: "Abbiamo vergogna per ciò che hanno fatto? No, proviamo una sensazione d'orgoglio, perché in questo mondo pieno di menzogne e di accuse, c'è ancora gente che è pronta a battersi contro tutto questo." Gli allievi della scuola islamica dove Fauzi insegna gli studi coranici sono state proibite letture di giornali e guardare la televisione. (Fonte: Vituccio")
E sempre su "Scettico" vedi anche: link , link e link.

3 commenti:

Anonimo ha detto...

che ammasso di degenerati...cultori della morte....non meriterebbero di vivere nemmeno un altro secondo, sono l'emanazione perfetta di quella religione satanica chiamata islam...

kiki-e.sosblog.com

Alessandra ha detto...

Di solito associo la "perfezione" a qualcosa di positivo... .

caposkaw ha detto...

beh, gli segano i due figli , ma lei no?
responsabiltà collettiva ci vuole!