venerdì 14 novembre 2008

LA MATTANZA DELLE DONNE

Riguardo alla foto vedi Crocifissa al letto, poster choc anti-violenza. «Stop» da Cadeo . La frase sul lenzuolo che copre le parti intime della donna è "Chi paga per i peccati dell'uomo?".
E' sicuramente un manifesto molto forte e provocatorio, ma non lo trovo offensivo della religione cristiana, essendo la Croce supremo simbolo di martirio. Mi pare chiaro che molto più offensiva sia la violenza contro le donne, anch'esse creature di Dio.

108 casi nel 2007. Una ricerca sul femminicidio sulla stampa italiana nel 2007 mostra ancora una volta che l’uccisione di donne avviene soprattutto per mano di familiari e partner, per motivi arcaici o sessisti, e che i media amplificano o minimizzano i casi in base all’etnia e al sex appeal della vittima. Andrea Dworkin, femminista americana, ha usato il termine gynocide per descrivere la violenza sistematica perpetrata, fino a provocarne la morte, dal genere maschile su quello femminile. Daniela Danna scrive che la rigida separazione tra i sessi con la prescrizione della subordinazione del sesso femminile a quello maschile è la radice della violenza che l’autrice chiama ginocida. Barbara Spinelli ed i Giuristi Democratici riportano gli esiti di una ricerca pubblicata da The Economist il 24/11/2007, in cui si parla di Olocausto ciclico, intendendo sottolineare come ogni quattro anni il numero di omicidi di donne per motivi di genere è equivalente a quello delle vittime dell’Olocausto.
Tali espressioni sembrano descrivere perfettamente ciò che il 2007, e purtroppo anche gli anni prima di questo, hanno significato per le donne italiane: una vera e propria mattanza. I numeri parlano da soli: 107 donne uccise nel 2007, 19 nel gennaio 2008 per un totale di 126 femminicidi commessi, di cui 6 duplici omicidi.Tuttavia l’attenzione dei media e dell’opinione pubblica su questi fatti è assai mutevole. I casi che fanno audience, eclatanti, capaci di catturare l’attenzione del pubblico, vengono riportati, trasmessi, analizzati da telegiornali e talk show fino alla nausea , diventando puri eventi mediatici. Come riporta S. J. Grana, i femminicidi sono ignorati o sensazionalizzati a seconda della razza, classe e capacità di attrarre della vittima.Il senso dell’omicidio, del fatto che una donna, una ragazza, sia stata uccisa perde di senso, valore e misura. E poi sono tanti, troppi i casi di omicidi di donne che passano inosservati, o quasi, perché extracomunitarie o prostitute. All’opposto, i casi di donne italiane uccise da un extracomunitario hanno ben maggiore evidenza. Così nel senso comune passa un messaggio inverso rispetto alla realtà: è infatti molto più frequente che un uomo italiano uccida una donna straniera che il caso opposto.Proprio per ovviare alla mancanza o distorsione dei dati, la Casa delle Donne per non subire violenza di Bologna ha affidato a Sonia Giari uno studio sul femminicidio, basato sugli articoli pubblicati sulla stampa italiana nell’anno 2007, che è stato diffuso in questi giorni con il titolo significativo La mattanza.
Lo studio elenca puntualmente tutti i casi di uccisione di donne dagli undici anni in su per motivi misogini o sessisti, quindi con esclusione dei delitti con movente mafioso o a scopo di rapina, includendo invece quelli commessi dai partner o dagli ex, da parenti, amici, conoscenti, vicini di casa, e quelli in cui l’omicida era un cliente, nel caso di prostitute, ma anche di attività commerciali in cui l’omicidio è scaturito a seguito di una lite.
L’analisi dei casi conferma quello che si conosce ma che i media spesso nascondono all’opinione pubblica. Il 35% degli assassini (o presunti tali, dato che si tratta di indagini o processi non ancora conclusi) è il legittimo consorte della donna uccisa, mentre nel 15% dei casi è un ex (marito o fidanzato). Complessivamente i tre quarti delle donne sono uccise da un familiare (comprendendo in questa categoria anche fidanzati o conviventi). Tutti uccidono per i motivi arcaici di sempre: il 25% in seguito a una lite, il 16% perché non accetta la separazione, l’8% per gelosia. Solo un femminicidio su otto in Italia, circa uno al mese, è commesso da sconosciuti. Le vittime straniere sono il 28%, ma ben una donna uccisa su dieci è di nazionalità romena. Tra gli assassini, il 70% è italiano e il 16% è straniero (il restante 13% è sconosciuto). Rispetto all’analoga ricerca condotta l’anno precedente da Cristina Karadole, oltre al leggero aumento dei casi (sette in più) che conferma la tendenza alla stabilità o addirittura alla crescita del fenomeno, si registra qualche variazione rispetto ai moventi: calano gli omicidi dovuti a separazioni ma aumentano quelli dovuti a conflittualità, con familiari o conoscenti, e quelli il cui movente è sconosciuto, che nella maggioranza sono avvenuti in famiglie in cui a detta di tutti non vi erano problemi. Inoltre nel 2007 vi è stato un significativo aumento degli omicidi di donne affette da malattia, nella maggioranza dei casi anziane allo stadio terminale di malattie come l’Alzheimer, quindi un tema di solitudine, fatica della cura e carenze dei servizi sociali. Non si rilevano mutamenti riguardo alla nazionalità, a riprova, commenta l’autrice, che “ogni richiamo allo “straniero che uccide le nostre donne” è puramente fallace, ed ha l’unico scopo di fomentare la massa verso un capro espiatorio rassicurante per la società in quanto non appartenente ad essa, al di fuori di essa”.

Approfondimenti:

10 commenti:

vituccio ha detto...

Ciao Aless,tié traducila tu se ti interessa:

http://www.ctvbc.ctv.ca/servlet/an/local/CTVNews/20081113/BC_journalist_kidnapped_081113/20081113/?hub=BritishColumbiaHome

Alessandra ha detto...

Grazie, ma con questo link il PC non mi dà niente.... Proverò a cercare domani con calma.

barbara ha detto...

Bisogna aspettare un po' ma poi arriva. In effetti ne vale la pena.

ilMaLe ha detto...

Degli omicidi a donne malate di Alzheimer non sapevo nulla. Ma chi sono nella maggior parte dei casi gli assassini? Parenti?

Alessandra ha detto...

Neanch'io. Credo di sì, visto che la maggioranza di questi omicidi avviene in famiglia.

Kritikon ha detto...

Manifesto splendido. Peccato che lo volessero censurare...

Alessandra ha detto...

Davvero: non avrebbe potuto essere più efficace!

barbara ha detto...

Manifesto assolutamente idiota. Un corpo quasi nudo, bellissimo - qualcuno in un blog ha scritto che quella foto lo attizza, e la cosa non mi sembra sorprendente - senza la minima traccia di sofferenza, con la muscolatura perfettamente rilasata, senza niente che possa indurre a pensare che quella donna abbia subito una qualsiasi sorta di violenza, dovrebbe sensibilizzare sulla violenza alle donne? Ma per piacere!

Alessandra ha detto...

La persona che ha detto che questo corpo lo attizza, manca ASSOLUTAMENTE di sensibilità, mi pare chiaro.
Anche se non si vedono sangue, lividi o ferite, le costole in evidenza ricordano certamente Cristo in Croce (oltre ovviamente la posizione): già così mi sembra d'impatto e poi la frase a livello dei genitali "Chi paga per i peccati dell'uomo?"... . Visto che si è parlato di censura del manifesto e lo scopo con cui è stato fatto, ho trovato opportuno postarlo sul blog.

barbara ha detto...

Non ho detto che non fosse opportuno metterlo nel blog, dico che quel manifesto è la cosa più inutile che si possa immaginare. Sfido a trovare uan sola persona che non fosse già sensibile da prima e che sia stata sensibilizata da questa puttanata, sfido chiunque a trovare una sola persona che da questa immagine sia stata stimolata a partorire una sola riflessione che non avesse fatto prima. Quello che si è attizzato non è una persona insensibile, ma semplicemente un uomo normale il cui corpo, vedendo una gran gnocca nuda, ha reagito di conseguenza.