mercoledì 30 luglio 2008

MARINA RIPA DI MEANA PRESA A CEFFONI IN TUNISIA

Marina Ripa di Meana aggredita su una spiaggia tunisina per essersi avvicinata a un gruppo di donne velate con un costume "troppo provocante".

Aggirarsi da sola su una spiaggia tunisina con un costume apparentemente provocante e avvicinare un gruppo di donne velate può non essere un'idea saggia. Lo ha scoperto a suo danno Marina Ripa di Meana , aggredita a schiaffi e spintoni dai tutt'altro che progressisti compagni delle suddette signore.
È accaduto su una spiaggia vicino alla località di Kelibia, dove la vivace (quasi) nobildonna era in vacanza e intenta a fare una passeggiata. «Stavo passeggiando su una bellissima spiaggia vicino a Kelibia, a un centinaio di chilometri da Tunisi - ha detto all'Ansa -, dove mi ero recata per qualche giorno di relax con un gruppo di amici. Avendo una camminata abbastanza sostenuta ho lasciato parecchio indietro la mia compagnia. Ad un certo punto incuriosita da un gruppo di donne sedute sulla spiaggia completamente vestite e con il velo mi sono avvicinata loro per scambiare due chiacchiere».
Un'iniziativa per nulla gradita da cinque uomini i quali, forse ingannati da un costume intero ma color carne, quindi forse interpretato come più provocante di quanto fosse in realtà, «sono spuntati all'improvviso dall'acqua e senza motivo mi hanno spintonata, aggredita, schiaffeggiata e riempita di insulti. Quindici minuti da incubo! Fin quando non sono arrivati i miei amici a soccorrermi».
Un brutto spavento reso ancora più amaro, per la disinibita Marina (che poche settimane fa aveva posato ancora una volta senza veli a 66 anni), dall'assenza di reazione da parte delle donne: nessuna ha «mosso un dito o tentato, anche solo a parole, di difendermi. Sono rimaste impassibili, girando il volto dall'altra parte».
(Fonte: "Libero News")

Tengo a precisare che, com'è facile intuire, ho la massima disistima per la Ripa di Meana, effettivamente volgare e provocatrice, ma certi comportamenti mi danno l'orticaria ancora più di lei (il che è tutto dire!!!).
Cose che succedono, verrebbe da dirle, in un Paese musulmano. Dal quale comunque la Ripa di Meana è voluta partire subito, con un giorno di anticipo e senza sporgere immediata denuncia: «Lo farò una volta a Roma tramite mio marito», ha spiegato.


3 commenti:

Pike ha detto...

So per certo che in viale jenner, a ragazze italiane scese dal tram vestite in un modo troppo "succinto" per il senso del pudore islamico, magari tornando dal lavoro ,che hanno avuto la sfortuna di passare durante la preghiera del venerdì,sono state prese a male parole ( "puttana" mi risulta sia stato l'epiteto più usato ) e invitate ad allontanarsi .

Non bisogna andare lontano, l'islam ormai è qui.

Alessandra ha detto...

Non mi sorprende, Pike.

Anonimo ha detto...

Your blog keeps getting better and better! Your older articles are not as good as newer ones you have a lot more creativity and originality now keep it up!