mercoledì 7 ottobre 2009

LEGA, GIRO DI VITE CONTRO IL BURQA: ARRESTO E MULTA

N.B: Dopo il "Leggi tutto", alcuni link.


Roma - Arresto in flagranza, reclusione fino a 2 anni e una multa fino a 2mila euro. Tanto rischierà chi "in ragione della propria affiliazione religiosa" indosserà in pubblico indumenti che rendono "impossibile o difficoltoso il riconoscimento", se sarà approvata la proposta di legge presentata alla Camera dal gruppo della Lega Nord. Il testo di fatto chiede di vietare l’uso di burqa e niqab, ma senza menzionarli esplicitamente come invece fa la proposta a firma Souad Sbai già all’esame della commissione Affari costituzionali.
Vietati burqa e niqab. Un aggiunta di tre righe alla legge del 1975 "in materia di tutela dell’ordine pubblico ed identificabilità delle persone", che vieta espressamente l’uso di "qualsiasi mezzo che non renda visibile l’intero volto, in luogo pubblico o aperto al pubblico, inclusi gli indumenti indossati in ragione della propria affiliazione religiosa". Se la proposta presentata oggi alla Camera dalla Lega dovesse diventare legge, chi indossasse in pubblico il burqa o il nijab rischierà l’arresto da uno a due anni. La legge in vigore vieta l’uso di mezzi atti a rendere difficoltoso il riconoscimento, "senza giustificato motivo". Finora, "giustificato motivo"veniva considerata anche l’osservanza di tradizioni religiose. Proprio per questo la Lega propone l’eliminazione della clausola: "E' stata usata da diversi prefetti per annullare ordinanze fatte dai nostri sindaci" per vietare l’uso del burqa, spiega Carolina Lussana. Che a scanso d’equivoci chiarisce: "Tra la tutela della libertà religiosa e la tutela della sicurezza dei cittadini, per noi la priorità è la sicurezza". Fallita la via delle ordinanze dei sindaci, dunque, ora la Lega ci prova per via legislativa, e chiede "pari diritti per tutti i cittadini", sostiene Roberto Cota: "Non siamo razzisti, non abbiamo niente contro i musulmani, ma la legge deve essere uguale per tutti. La nostra proposta è assolutamente generale, come deve essere una legge". Tanto generale che potrebbe essere a rischio il Carnevale? No, assicurano i leghisti, c’è "un regio Decreto del 1931" che chiarisce la questione.
Il Pd: "Norma incostituzionale" "E' una norma incostituzionale che lede la libertà religiosa e sono del tutto strumentali i richiami all'ordine pubblico. La verità è che si vuole colpire gli immigrati islamici nel loro intimo". Così la capogruppo del Pd nella commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti, commenta la proposta di legge: "Come può una legge parlare di affiliazione religiosa? Le suore sarebbero affiliate? Ma stiamo scherzando? E poi: come si può pensare di modificare una cultura con una norma?". "L’unico effetto dell’entrata in vigore di questa legge - fa notare la Ferranti - sarebbe quello di segregare in casa le donne islamiche. È una legge cattiva contro gli immigrati, ma soprattutto è una legge razzista e una legge contro le donne". (Fonte: Arabiyya )


Testimonanzia di una donna kabila (infine) liberata link, Convertiti link, Germania: Un romanzo poliziesco "sui crimini d'onore" censurato link, Convertite e «Una legge contro le donne» . Analisi di "Secondo Protocollo": Misoginia: la barzelletta della legge anti-burqa . Infine: Perché l’islam ufficiale legittima i matrimoni con le minori permalink.

13 commenti:

kizzy ha detto...

Assolutamente d'accordo con la Lega. E quella Ferranti... che si faccia meno canne viste le castronate che spara. Non dico altro sennò viene troppo lunga, và.

Alessandra ha detto...

Non sono molto d'accordo con la detentenzione per chi indossa il niqab... .

Alessandro ha detto...

http://www.carnegieendowment.org/

Forse può interessare.

Alessandra ha detto...

Semmai tengo presente, Alessandro.

Mella ha detto...

Qui non ce ne sono, ma la prima che incontro giuro che le faccio lo sgambetto e la faccio finire col naso per terra.

Anonimo ha detto...

Bella roba...oltre ai detenuti stranieri che popolano le carceri italiane, adesso ci mancano pure le velate!! Ma dai!! Una bella multa e via...a forza di pagare, se lo toglieranno no?
Giò79

Anonimo ha detto...

La multa è sufficiente addirittura la detenzione mi sembra un esagerazione, come al solito il Pd non si smentisce si sente di fare affermazioni su una questa legge ma si assenta dal voto allo scudo fiscale..no commenti, sono ipocrito e demagoghi.
chi non rispetta la legge vada vivere o ritorni in un paese islamico ove è permesso indossarlo.
Mi ha colpito il video su memri, ove donne islamiche di nascita attaccavno la convertita francese per l'estremizzazione dl niqb, che tale indumento le avrebbe penalizzate, molto molto interesante.
lorena

Alessandra ha detto...

Benvenuta/o Giò.

Sì, deve essere una legge a favore e non contro la donna, anche se esistono le fanatiche islamiche. In ogni caso farei pagare le multe ai mariti!

Anonimo ha detto...

Ciao Alle , se puo' interessare

http://www.ilsussidiario.net/articolo.aspx?articolo=41217

buona giornata
inc@

primo capo ha detto...

prigione e multa vanno benissimo.
io ci aggiungerei anche le frustate, così si sentono pure a casa loro! (e quindi scapperebbero)
scherzi a parte, è che il nicoso non un simbolo religioso, ma politico.
di conseguenza bisogna reagire in questo modo.
i comunisti si sono rivelati quello che sono : dei traditori da 4 soldi.

Alessandra ha detto...

Grazie, Inca.

Capo, non c'è dubbio che il niqab sia un simbolo politico.

Anonimo ha detto...

Grazie Alessandra!
Si, quello che volevo dire è questo..saranno i mariti a dire loro di levarlo, quando si vedranno l'ammontare delle multe. Oltretutto sono belle salate, no?
Ho paura che l'esagerazione di questa legge, nel caso passasse, porterebbe conseguenze pesanti (per quelle donne, magari le chiudono in casa!!!). Vediamo se si riesce a limtare la legge alle multe, secondo me va già benissimo.
Giò79

Alessandra ha detto...

Ma i mariti non devono dire un bel niente alle donne!!!! Devono lasciarle libere, PUNTO! Bisognerebbe arrestare GLI UOMINI che impongono il velo, non solo quello integrale, alle donne. Altrimenti uno zio minaccerà sempre di morte una nipote di trentatrè anni perchè non porta il niqab! Con loro sì, andrei oltre alle multe.