sabato 6 febbraio 2010

SANIA MIRZA LASCIA IL TENNIS PER LE NOZZE COMBINATE


Dopo essere stata tormentata da integralisti musulmani e conservatori indiani, è di pochi giorni fa l’annuncio:”Mi sposo e lascio lo sport”. Risulta strano per una che è considerata l’icona dell’emancipazione femminile in India. Sania Mirza ( sopra, in campo e nel giorno del suo fidanzamento, ndr), giovane indiana cresciuta a Hyderabad, è la più forte giocatrice di tennis femminile proveniente dall’India, grazie soprattutto all’ottavo posto agli US Open del 2007, che l’ha portata a rappresentare l’India ai Giochi Olimpici del 2008. Dalla Fatwa, emessa a settembre 2005 dal Consiglio degli Ulema per l’abbigliamento in campo, alle dichiarazioni sul sesso prima del matrimonio, ha sempre fatto parlare di sé più per le polemiche che è riuscita a scatenare che non per il suo gioco.
Accade, ad esempio, che Mirza un giorno giri uno spot pubblicitario vicino alla Mecca e sia costretta a giustificarsi ufficialmente con l’Imam:”Voglio scusarmi con tutti i miei fratelli e le mie sorelle e i rispettabili anziani che si sono sentiti offesi perché ho inavvertitamente profanato un pezzetto di terreno”. Poi succede che un fotografo la ritragga seduta, in un momento di relax, con i piedi nudi appoggiati su una balaustra, ma involontariamente troppo vicini a una bandiera indiana, che immediatamente un contadino faccia regolare denuncia perché sia colpita da una condanna per oltraggio alla nazione. E ancora quella serie di tornei che ha fatto gridare allo scandalo perché giocata in doppio con Sahar Peer come compagna, ovvero un’israeliana. Sono questi i motivi che fanno di lei una vera e propria star in India, dov’è contesa dalle copertine dei giornali più occidentalizzati, nonché dai produttori di Bollywood e dai siti internet. E’ per questo che la stampa di tutto il mondo avanza qualche sospetto, ossia che abbia ceduto alla famiglia per il più integralista dei motivi: il matrimonio combinato. Ma a quanto dice l’aveva deciso da piccola:”Quando mi sposerò lascerò il lavoro in favore della famiglia”. Il fidanzato conferma che la supporterà in ogni sua decisione, qualunque questa sia, così come il padre che afferma di non aver influito in alcun modo nella sua decisione. E noi, per quelle donne che hanno visto in lei una speranza, ci auguriamo che sia davvero così. (Fonte: Arabiyya )

E alcuni articoli sul burqa , ISLAM: ESPERTO AL-AZHAR, DA SHARIA NESSUN OBBLIGO VELO INTEGRALE 'BENE IL GOVERNO FRANCESE, NIQAB NON HA FONDAMENTO' Leggi tutto... e poi Imponi il burqa alla moglie? Non puoi diventare francese Leggi tutto... .

6 commenti:

Dolcelei ha detto...

Speriamo che sia solo una scelta! Ciao

estersambo ha detto...

ma è roba fresca fresca allora, io il 28 gennaio ho letto che ha buttato tutto all'aria ...
http://coggiola.blogspot.com/2010/01/sania-mirza-meglio-la-racchetta-che.html

Alessandra ha detto...

Io invece non avevo letto la notizia del 28 gennaio... . Bene se Sania ha mandato al diavolo un matrimonio combinato, ma c'è ovviamente di augurarsi una prosecuzione di carriera anche dopo un matrimonio d'amore!!!

Anonimo ha detto...

Rimangono sempre fatti sue, se vole sposarsi, quale il vostro problema, credo perchè non avete trovato maritooooooooooooooo!

Alessandra ha detto...

Uhahahah! Adesso sei tu a farmi ridere.

Anonimo ha detto...

e meno male che ride un pò!io sono sposato!!!