giovedì 6 agosto 2009

SPOSE BAMBINE, HAMAS CHE PREMIA CON 3000 DOLLARI CHI SPOSA LA VEDOVA DI UN "MARTIRE" + LINK

1) Due video sull' argomento "spose bambine" Grazie a Barbara.

http://www.youtube.com/watch?v=qyHYj8RIUUU

http://www.youtube.com/watch?v=UamNBfI5P8o (nel mondo)

2) Hamas premia con 3.000 dollari chi sposa la vedova di un "martire". Grazie Stefano, via Fulvio.

http://www.affaritaliani.it/politica/gaza_hamas_vedova_martire200309.html

http://www.agi.it/estero/notizie/200907102138-est-rt11385%20m_o_le_vedove_di_gaza_si_risposano_hamas_paga_futuri_mariti

3) Esiste un islam razionale e caritatevole? Le spose bambine islamiche sono 60 Mln e hanno meno di 13 anni: permalink .

44 commenti:

Paolo Borrello ha detto...

Le spose bambine sono proprio una vergogna. Sono cose da Medioevo!
Ciao

Alessandra ha detto...

Ciao, Paolo.

Stefano. ha detto...

Sessanta milioni su poco più di un miliardo di islamici.
A gaza, sono un milione e mezzo. Poco più della millesima parte degli islamici al mondo.
Arrotondando, dividiamo per mille anche i sessanta milioni di spose bambine, fa sessantamila.
Sono sessantamila a Gaza le spose che hanno meno di tredici anni?
Stefano.

Hurricane 53 ha detto...

Complimenti per il blog, se non ti spiace sarei onorato di poterti linkare Hurricane 53

Alessandra ha detto...

Grazie, Hurricane, certo!

ambra ha detto...

Alle altre testimonianze aggiungete questa da Informazione corretta :

http://www.informazionecorretta.com/main.php?mediaId=115&sez=120&id=30498

gianniguelfi ha detto...

Islamophobia. Ignorance Or Propaganda?

So, I've gatecrashed a Hamas wedding party in Gaza, as you do.

The party is for 450 grooms, the brides are elsewhere, some among the 5,000 or so guests. It's the way things are done here, Personally I'm for the mixing of the sexes, but I'm not about to argue, I'm outnumbered.

Up on the stage there's music and dancing. Everyone's having a good time, even me, although the Hamas robocops are making me a little nervous. Sure Hamas have cold blooded killers among them, sure they support the murder of children in Israel,sure they are cracking down on women's rights, but many of their supporters are just ordinary people. And they need a break.

The men and women are sitting, Most ignore the speeches, some even ignore the prayers. Then the fireworks
explode, the cheering begins, and in march the Hamas scouts, bashing drums, looking every inch the future Hamas fighters many will be. Then the grooms, aged about 18 to about 28. They are holding hands with their young nieces and cousins, little girls aged from about 3 to 8, made up to the nines, wearing white wedding dresses.

Up they all go to the stage, the cheering and music grows ever louder. The girls were having the time of their lives, but, getting a little bored after a while, came down off the stage to dance with each other and play games.

Our report on this put it into context saying that it took place just a mile from the Israeli border and was a message from Hamas about its strength confidence and future fighters. Oh and that the brides were elsewhere. Pretty straightforward.

It never struck me for a moment that the little girls might later be described in the bloggersphere as the brides! How naive I am.

Dozens, and I mean dozens, of websites took the video of the event and wrote lurid stories about Hamas mass paedophilia with headlines about '450 child brides', and endless copy about how disgusting this was, how it showed how depraved Islam is, et al, ad infinitum. Site after site jumped on the story, linking from one totally wrong load of rubbish to the next . I'll give credit to Tundra Tabloids who at least took down the video, but most sites just ploughed on regardless.

I spent a few hours visiting websites and leaving comments where I could. To little avail. Instead I received a steady stream of vitriol. The best response was on a site run by a Debbie Schlussel . The guy who posted it said he wasn't interested in the detail. The detail being the fact that the girls weren't the brides.

It showed how much some people want to believe nonsense like this, as it re-inforces their prejudices, always a comfortably fun thing to do. But Hamas, and the jihadists do enough terrible things without having to make things up about them. Most of the stuff I read was outright, unthinking, gleeful, Islamophobia from people who clearly knew nothing about Arab popular culture. It's as is they really beleive that because there are examples of child brides, it means all weddings are with child brides.

Some sites went so far as to complain that the mainstream media were complicit in paedophilia because they had reported the mass wedding but failed to mention that little girls were about to be raped that night. And so it went on, and on.

Perhaps I was making up the fact that the brides were elsewhere. It's possible. But who would you believe, the reporter who went to the event, or a desperately poor version of citizen journalist, sitting at home, making things up, not checking anything, and either unknowingly or deliberately, writing hysterical anti Islamic nonsense.

gianniguelfi ha detto...

Fonte del post precedente

http://blogs.news.sky.com/foreignmatters/Post:dcc9d723-8046-4857-b618-5c1135ba6417

gianniguelfi ha detto...

Ecco un video della cerimonia apparso su Haaretz.com, quotidiano ISRAELIANO

Si ode chiaramente la giornalista ISRAELIANA riferire che in osservanza della legge islamica, i mariti festeggiano senza le mogli e le bambine vestite da sposa son li per rappresentarle: "fill in for the brides", dice la giornalista.

http://www.haaretz.co.il/hasen/spages/918230.html

petroniostefano ha detto...

Ho cercato dati sull'argomento sui siti dell'ONU, UNICEF e HRW e non trovato nulla (magari per colpa mia), tuttavia anche se ci sono non sono certo in primo piano.
L'unico, dove ho trovato una classifica dei peggiori stati è stato quello del International Center for Research on Women (Icrw), però sembra i dati siano parziali perchè quelli di alcune zone, come il medio oriente, siano inadeguati.

ambra ha detto...

Dopo le informazioni circostanziate che ho letto più sopra urge mettere in risalto anche i seguenti link :

http://almoltaqa.ps/english/showthread.php?p=50007

http://www.youtube.com/watch?v=RYmtaXQHEtw

Alessandra ha detto...

Gianni, come ti ha detto Stefano, non mettere spatafiate lunghe un km che non siano in italiano... . Se verrà fuori che davvero non si tratta di un matrimonio di massa pedofilo, sono pronta a una smentita... . Le accuse, più o meno dirette di islamofobia non mi spaventano perchè come in genere succede sono strumentali e, parlo del mio caso, false.
Non mi frega un piffero di dove sia la giornalista: anche un'israeliano/a può essere disinformato, essere filo-palestinese DI PROFESSIONE e persino sostenere l'estremisto e il terrorismo che danneggia e impedisce quelle che dovrebbero essere le legittime ispirazioni palestinesi e dei loro fratelli-coltelli arabi.

Grazie, Ambra e benvenuta!

gianniguelfi ha detto...

Allora, la "spatafiata" è di un giornalista occidentale di Skynews, Tim Marshall, il quale era presente alla cerimonia, non la commenta perché l' ha vista in foto.
Tempo per tradurvi l' articolo in italiano non ce l' ho, ma ci sarà pure qualche amministratore del blog che parla inglese. Il titolo comunque dice già tutto.

Quanto al video del giornale israeliano, è vero, anche in Israele ci sono dei pacifisti filo palestinesi. Ma se veramente a Gaza avessero fatto sposare delle bambine con uomini adulti, tutta la stampa israeliana, filopalestinese o meno, avrebbe riportato la cosa. Invece silenzio assoluto.

Noto infine con piacere come il titolo di questo post si lasci involontariamente sfuggire la verità: Hamas premia chi sposa una VEDOVA di guerra.
Quindi, se fosse vero quanto sostenuto nel resto del post, quelle bambine sarebbero già al secondo matrimonio...
Ma chi volete prendere in giro?

saluti
g

Alessandr ha detto...

Gianni, io so l'inglese e credo che lo mastichiamo un po' tutti, semplicemente non gradisco commenti così lunghi che non siano in italiano: sono pigra, che ci vuoi fare? Poi come hai detto tu, il titolo dice già tutto (e quindi si qualifica da solo), quindi perchè leggere il resto, verrebbe da dire?
Non ho mai negato che Hamas facesse sposare VEDOVE di guerra (ci ho fatto anche dei post!): eh, certo, una donna SOLA, chissà che avances riceve, bisogna "proteggere" il suo onore, altrimenti è una svergognata! Come ti ho detto, se verrà fuori qualcosa di più certo, sono disposta a fare una smentita. Però questo non significa necessariamente, a mio parere, che membri di Hamas o chi per loro, non giustifichino matrimoni con bambine. Soprattutto, come ha osservato qualcuno i commenti su quel sito erano FAVOREVOLI al matrimonio con bambine... .

Alessandra ha detto...

Come vedete ho cambiato il titolo, perchè proprio queste sono le vedove che hanno fatto sposare quelli di Hamas: le vedove dei terroristi... .

Stefano. ha detto...

Gianni Guelfo ne ha di parlantina.
Ma io più che e ascoltare preferisco vedere.
Se ad esempio, mi arrivasse una foto dalla Spagna, dove i matrimoni gay sono consentiti, di due omaccioni davanti al sindaco, ti assicuro che non penserei che uno dei due rappresenti la moglie che sta a casa.
Nell'islam ci sono sessanta milioni di spose bambine.
Non è mai stato fotografato il matrimonio di nessuna? Ed anche se fosse, non dovremmo indignarci lo stesso?

primo capo ha detto...

gg, non sei contento di tutte le mazzate che prendi dappertutto?
ne vuoi altre qua?
per caso, dici affermi proclami che gli islamici non si sposino (termine sbagliato per stupro legale) delle bambine?

il tuo problema è che vuoi sempre giustificare le cause perse...

gianniguelfi ha detto...

@petroniostefano
Ho cercato dati sull'argomento sui siti dell'ONU, UNICEF e HRW e non trovato nulla (magari per colpa mia), tuttavia anche se ci sono non sono certo in primo piano


Lo credo bene tu non abbia trovato nulla sull' argomento, Stefano. Giacché la storia del matrimonio di massa con bimbe di 5-6 anni è una bufala.

g

gianniguelfi ha detto...

Alessandra ha detto
Gianni, io so l'inglese e credo che lo mastichiamo un po' tutti, semplicemente non gradisco commenti così lunghi che non siano in italiano: sono pigra, che ci vuoi fare? Poi come hai detto tu, il titolo dice già tutto (e quindi si qualifica da solo), quindi perchè leggere il resto, verrebbe da dire?

Il titolo dice già tutto, è quello che affermo io. Ma perché hai postato il resto con tanto di foto delle bambine in abito nuziale allora, facendo credere che fossero loro le spose


Non ho mai negato che Hamas facesse sposare VEDOVE di guerra (ci ho fatto anche dei post!): eh, certo, una donna SOLA, chissà che avances riceve, bisogna "proteggere" il suo onore, altrimenti è una svergognata! Come ti ho detto, se verrà fuori qualcosa di più certo, sono disposta a fare una smentita. Però questo non significa necessariamente, a mio parere, che membri di Hamas o chi per loro, non giustifichino matrimoni con bambine. Soprattutto, come ha osservato qualcuno i commenti su quel sito erano FAVOREVOLI al matrimonio con bambine...

Anche tra gli indù e gli aborigeni australiani esistono casi di matrimoni tra adulti e bambine. Ma sono casi sporadici, eccezionali, proprio come tra i musulmani. Con quella foto e quei filmati da youtube invece hai dato a intendere che tra di loro la pedofilia di massa fosse una cosa normale. E gli ingenui e i poveri di spirito hanno abboccato.
Sarebbe ora che tu la dessi questa smentita, perché se veramente si fosse trattato di un matrimonio di massa con bambine, tutta la stampa mondiale ne avrebbe parlato, a cominciare da Libero di Feltri, non certo un filopalestinese.

ciao
g

gianniguelfi ha detto...

primo capo ha detto...
gg, non sei contento di tutte le mazzate che prendi dappertutto?
ne vuoi altre qua?
per caso, dici affermi proclami che gli islamici non si sposino (termine sbagliato per stupro legale) delle bambine?

il tuo problema è che vuoi sempre giustificare le cause perse...


Si, tra gli islamici vi sono casi di matrimoni con bambine. Ma la cerimonia citata da Alessandra con tanto di foto delle supposte spose bambine tenute per mano, NON era uno di quei casi. Come spiega Tim Marshall nell' articolo in inglese da me postato. "It's as is they really believe that because there are examples of child brides, it means all weddings are with child brides."

g

primo capo ha detto...

gg la ostinazione nel raddrizzare le zampe dei cani è ammirevole.
perchè non provi a risolvere qualche problema vero, tipo l'acqua alta a venezia?
potresti berti tutta l'acqua del mare che trabocca...
oppure fermare i terremoti con la tua prosopopea...
è inutile cercare di convincerti in qualcosa, dato che non hai abbastanza intelligenza su cui fare presa...

Stefano. ha detto...

PRIMO CAPO HA SCRITTO:
>il tuo problema è che vuoi sempre >giustificare le cause perse...

Purtroppo, non sono cause perse: hanno milioni di difensori.
Sessanta milioni di bambine stuprate legalmente in modo religiosamente corretto? Niente di grave, sono casi sporadici. Se insisti ti diranno che anche in europa ci sono stupri di bamine, se insisti ancora ti diranno che duemila anni fa...
Purtroppo non è una causa persa, ha milioni di avvocati.
Stefano.

gianniguelfi ha detto...

Stefano. ha detto...
Purtroppo, non sono cause perse: hanno milioni di difensori.
Sessanta milioni di bambine stuprate legalmente in modo religiosamente corretto? Niente di grave, sono casi sporadici. Se insisti ti diranno che anche in europa ci sono stupri di bamine, se insisti ancora ti diranno che duemila anni fa...


Andare su un sito come LiberaliperIsraele ad inforamrsi sui musulmani, è come chiedere all' oste se il vino è buono.
Perché non provare ad andare su un sito neutro piuttosto, troppa fatica? Meglio fidarsi dei siti notoriamente di parte per continuare a cullarsi nelle nostre menzogne, vero?
Non sia mai che qualcuno ci costringa a cambiare idea, sarebbe una fatica insopportabile per le nostre meningi.
Ebbene, io l' ho fatto, sono andato sul sito Childinfo.org dell' Unicef ed ho scoperto che è vero che nel mondo vi sono 60 milioni di bambine che vengono date in sposa. Ma è una cifra valida per il mondo intero, appunto, non solo per i paesi musulmani, come sostengono i pochissimo liberali. I matrimoni di quel tipo celebrati in Medioriente e Africa del nord sono appena 3.3 milioni. E causa principale se non unica che spinge dei genitori a far sposare le loro figlie bambine, è la povertà non certo la religione.
Qui c' è il link al sito dell' Unicef. Leggete e non fatevi sempre fregare dal primo imbroglione che passa

http://www.childinfo.org/marriage.html

g

petroniostefano ha detto...

Per gianniguelfi.
Forse mi sono espresso male; non volevo fare un commento sulla notizia specifica del matrimonio di massa, bensì sui sessanta milioni di spose bambine nel mondo: è proprio qui il vero scandalo, che organizzazioni internazionali che dovrebbero avere cura dei diritti universali, non si preoccupano un gran ché di queste sessanta milioni di adolescenti costrette a contrarre matrimonio ed avere rapporti sessuali con adulti.
Dai pochi dati che ho, il fenomeno è mondiale però è localizzato prevalentemente in Africa ed Asia, ma mentre per i paesi non musulmani l'origine di tale fenomeno è dovuto a fattori etnici e di povertà e quindi il fenomeno ha potenzialità per regredire, in quelli musulmani la speranza è poca perchè si aggiunge anche l'aspetto religioso e quindi difficilmente sradicabile.

Alessandra ha detto...

Non bisogna andare ad informarsi su un sito come "Liberali per Israele" (non è da lì che ho preso queste notizie), ma basta che il quotidiano sia ISRAELIANO e la giornalista ISRAELIANA, che le notizie diventino vere. In ogni caso, chi dice che una vedova voglia sposa il cognato, come può accadere in questi matrimoni di massa?

Stefano. ha detto...

Confermi i dati Gianni.
3,3 milioni in medioriente facendo il calcolo degli abitanti (a parte l'Egitto con ottanta milioni sono tutti piuttosto scarsamente popolati) è in media con i sessantamilioni di tutto il mondo, il che implica che se non tutti, perlomeno più della metà di questi matrimoni è celebrata in paesi islamici. Povertà? Anche l'Europa era poverissima, ma non ha Mai fatto sposare bambine.
Pertanto, chi lo fa si qualifica da se, e lo stesso per la religione che lo permette.

Poerio ha detto...

Queste bambine non sono le spose. Sono parte del cerimoniale. Anche a me è capitato di consegnare i fiori alla sposa che mi ha baciato e mi ha preso per mano. E poi sono troppo piccole. Bambine di 5-6 anni non vengono considerate come sposabili nemmeno dai musulmani più integralisti. I lati negativi di queste cerimonie sono altri. Ad esempio il fatto che le spose non si vedono. In molte zone del mondo arabo vengono celebrati matrimoni collettivi e le spose in genere vengono fotografate e riprese senza problema, non velate, mal velate o supervelate che siano.

Poerio ha detto...

PS. Ovviamente i fiori li consegnati alla sposa quando avevo 4/5 anno e con me c'erano anche i miei genitori e mia nonna.

Anonimo ha detto...

Esatto Poerio: C'erano con te i tuoi genitori e tua nonna.
Qui si vedono gli sposi.
Si vedono le bambine (qualcuna un po' grandicella per fare la paggetta)
E NIENTE ALTRO NESSUN ALTRO.
Un proverbio dice: a pensar male, si fa male, ma si indovina.
Ettore

Alessandra ha detto...

Poerio:

Bambine di 5-6 anni non vengono considerate come sposabili nemmeno dai musulmani più integralisti

Eppure ci sono imam che sottolineano che non l'islam non fissa un limite d'età per i matrimoni e che in teoria si può sposare anche una bambina di un anno... .

Poi certo, ci sono zone del mondo arabo in cui le spose vengono riprese senza problema... .

Poerio ha detto...

Potrebbero essere sorelline degli sposi. 15/20 anni di differenza ci possono stare, non necessariamente in presenza di famiglie poligame. Sembra in effetti dai filmato che queste bambine siano come numero solo un 10/20 per cento dei maschi neosposi. In effetti Hamas è molto rigido sulla separazione dei sessi tra non mahram e , vista da lontano, può sembrare strano che questi maschi neo sposati tengano per mano una bambina teoricamente sposabile non essendo un mahram di questa. Sono tutte ipotesi. Mi sento tuttavia di escludere che queste bambine siano le spose degli uomini che le tengono per mano, anche perchè, ripeto, sono bam,bine troppo piccole per gli standars dei movimenti che appartengono ai Fratelli Musulmani.

Poerio ha detto...

Se non erro dovrebbero essere mahram anche le nipoti e gli zii. Quindi potrebbero essere bambine nipoti dei neosposi-zii.

Stefano. ha detto...

Diciamo così allora:
Come scrive Gianni Guelfo, le spose bambine nell'Area, sono 3,3 Milioni (Quasi tre Milano) Di fronte a questa cifra, che cosa cambia se alcune di loro sono state fotografate o meno?
Stefano.

Alessandro ha detto...

Quando si danno delle cifre bisognerebbe assicurarsi di definirne bene il "contorno". Senza voler ulteriormente approfondire diamo per scontato che le ultime discussioni abbiano appurato che i 60 mln siano spalmanti in tutto il mondo, e che di questi 3,3 milioni avvengano in africa e medioriente. Nel caso si volesse trovare un qualche nesso con l'Islam non bisognerebbe dimenticare l'Asia centrale (Afghanista, Uzbekistan, Azerbaijan ecc..), lo XinJan e tutte le pololazioni in cui la comunità islamica è predominante (e ce ne sono...). Quindi bisognerebbe capire la distribuzione di tale fenomeno in rapporto alle condizioni economiche e sociali, ed infine comparare questi dati con i dati ricavati da un'analisi simile ma su popolazioni non islamiche.
La questione si risolve facilmente: se i due dati corrispondono l'Islam non è il fattore predominante, nel caso di predominanza delle aree islamiche allora si potrebbe dire che tale cultura contiene elementi che favoriscono queste pratiche, ma paradossalmente potrebbe ribaltarsi il risultato, chissà...
Sinceramente è un lavoro che non ho voglia di fare (magari qualcuno lo ha già fatto...), ma così a naso non mi stupirebbe che le cifre siano piuttosto simili...

Sul fatto che siano delle pratiche incivili siamo tutti d'accordo, ancora più terribili sono le compravendite di bambini in Cambogia per esempio, e chissà quante altre situazioni che hanno come tema la mercificazione dei bambini, diffuse nel mondo.

Alessandra ha detto...

Gianni Guelfi ha detto:

Il titolo dice già tutto, è quello che affermo io. Ma perché hai postato il resto con tanto di foto delle bambine in abito nuziale allora, facendo credere che fossero loro le spose

Io non ho "fatto credere" un bel niente! Il sito di HAMAS diceva che erano loro le spose!

Anche tra gli indù e gli aborigeni australiani esistono casi di matrimoni tra adulti e bambine. Ma sono casi sporadici, eccezionali, proprio come tra i musulmani. Con quella foto e quei filmati da youtube invece hai dato a intendere che tra di loro la pedofilia di massa fosse una cosa normale.

La pedofilia di massa non sarà una cosa normale, ma la pedofilia ESISTE anche nel mondo arabo e islamico. A quanto so è ancora abbastanza un tema tabù. Il fatto che ci siano matrimoni tra adulti e bambine tra gli indù e gli aborigeni australiani, poco cambia. Se ti prendi il disturbo di guardare ho messo anche il link di un video su spose bambine anche in Paesi NON ISLAMICI, ergo... . E soprattutto mi chiedo perchè mi leggi e commenti qui... .

Stefano, ti mando quel link quanto prima.

Alessandro, hai ragione, ma sappiamo che Maometto 1.400 anni fa, ha sposato una bambina e ci sono degli imam che si rifanno a questo.

Alessandra ha detto...

PS x Gianni Guelfi: ovviamente se smentisco una notizia non lo faccio per dare il contentino a te o ad altri, visto che sono il la titolare di questo blog... .

Stefano. ha detto...

TREMIONITRECENTOMILA DI QUESTE FOTO.

Non comprendo tutta questa polemica. Come lo stesso Gianni Guelfo ammette, sommando Siria Giordania Egitto Libia Algeria Tunisia, Marocco (Medioriente ed Africa Settentrionale si hanno tremilioni trecentomila bambine di meno di tredici anni che vengono stuprate con la benedizione religiosa.
Ammettiamo pure che la cifra non sia sottostimata (Non credo ci tengano moltissimo a far uscire certe statistiche) la cifra è spaventosa.
Quindi ipotizziamo pure che quel matrimonio (In cui anche i commenti del sito elogiano la bellezza delle piccole mogli, segno evidente che matrimoni così sono una norma e che nessuno ha pensato a vallette) non fosse stato celebrato con quelle bambine: Cosa cambierebbe? Se fosse stato presente un fotografo, si sarebbe potuto pubblicare tremilionitrecentomila di simili foto

Stefano. ha detto...

STATISTICA:
L’organizzazione americana International Center for Research on Women (Icrw) ha compilato una «Top 20» dei Paesi in cui i matrimoni di minorenni sono più diffusi: il Niger è al primo posto (il 76,6% delle spose hanno meno di 18 anni), seguito da Ciad, Bangladesh, Mali, Guinea, Repubblica centrafricana, Nepal, Mozambico, Uganda, Burkina Faso, India, Etiopia, Liberia, Yemen, Camerun, Eritrea, Malawi, Nicaragua, Nigeria, Zambia. La «classifica » è basata su questionari standardizzati che non sono però disponibili per tutti i Paesi. Resta fuori dalle statistiche, ad esempio, gran parte del Medio Oriente
***************************
Da notare, i primi quattro sono islamici.(E gran parte del medioriente è fuori statistica.
(Fonte Corriere della Sera.

Stefano. ha detto...

Riporto dall'OPINIONE del 21/03/2009, l'articolo di Dimitri Buffa dal titolo " Spose bambine: la pedofilia islamically correct ".
C’è un’odiosa forma di pedofilia di cui nessuno parla forse perché ha tutte le caratteristiche dell’ “islamically correct”: quella delle cosiddette spose bambine. Il paese più colpito è l’Arabia saudita, dove abbastanza recentemente, lo scorso 20 dicembre, un tribunale ha negato a una bambina di 8 anni di divorziare dal marito padrone. Il tutto avveniva nella zona di Unayzah, città a 220 chilometri a nord di Ryad. Ma anche l’Iran non scherza, prendendosi la sua parte di responsabilità nei quasi 60 milioni di spese bambine che finiscono per moglie al proprio orco. Fu, nei suoi scritti, l’Ayatollah Khomeini, a suo tempo, seguendo la solita tradizione alla lettera della religione islamica, a stabilire in anni 9, quelli che aveva Aisha quando andò in sposa a Muhammad, l’età minima per contrarre questo tipo di matrimoni. Ora però i tempi, dall’epoca delle conquiste islamiche, come anche da quelli mitici della Bibbia o dei Vangeli, sono cambiati. E così come chi uccide in nome della fede viene chiamato “assassino” o “terrorista”, chi tenta di avere rapporti con una bambina di 8 o 9 anni, sia pure “sposandola” (cioè comprandola dalla famiglia, magari anche con la formula del “matrimonio a ore”) commette due reati: la pedofilia e il favoreggiamento della prostituzione minorile. Anzi infantile. Detto questo come lo si risolve il problema in paesi dominati da teocrazie e dal fanatismo islamico, oltre che da una cultura patriarcale per cui i padri si possono tranquillamente impossessare biblicamente delle bambine che hanno l’età delle figlie o anche delle nipoti? Un rapporto speciale del ministero della salute saudita affermava che i matrimoni di spose - bambine erano “una delle principali cause dell’insorgenza di problemi fisici e psicologici … e per l’aumentata incidenza di malattie all’interno della famiglia e della società, che sono un fardello per il sistema sanitario”. Fra i problemi fisici menzionati nel rapporto c’erano problemi mestruali, infertilità e problemi vaginali, così come osteoporosi e frequenti tagli cesarei dovuti a gravidanze e parti di donne troppo giovani. Per quanto riguarda i problemi psicologici, il rapporto affermava che il precoce allontanamento dall’amore materno e la repentina fine dell’infanzia causavano ansietà e problemi di coppia, fra le altre difficoltà. E benchè una più recente sentenza, di cui ieri dava conto qualche agenzia, riguardante una bimba di dodici anni stavolta abbia dato torto al marito padrone, la verità è che questa odiosa forma di legittimazione della pedofilia in contesti di cultura arabo – islamica nessuno all’Onu la mette in dubbio per non creare attriti diplomatici con i paesi su menzionati. Chissà? Invece di fare Durban II per riprovarci a far passare al Palazzo di Vetro, come accadde nel 1975, il concetto di “sionismo uguale razzismo”, forse sarebbe stato più utile a tutte queste ong di no global che odiano Israele e amano i paesi arabi, organizzare un bel convegno da chiamare “Teheran uno”. O anche “Ryad uno”. Argomento? “Islam e pedofilia”.

Alessandra ha detto...

Hai parlato della Giordania, Stefano e proprio leggendo un'intervista della regina Rania è emerso che la pedofilia è un tabù nel regno e nel mondo arabo. Del resto davvero non se ne parla praticamente mai... .

Stefano. ha detto...

Difatti Alessandra. Dalle statistiche quasi tutto il medioriente è escluso.
PERCGHE' l'onu, non impone un censimento?
Perché non condanna?
Perché non espelle?
Stefano.

corina ha detto...

Quali le fonti ?
Questo blog è una vergogna.
Solo propaganda.
Io non sono schierato se non contro il cattivo giornalismo.

The walker ha detto...

have language problem in understanding what you mean, but very happy to meet youcheck more

Anonimo ha detto...

34524.....79684